Varese

A Varese la Città dei Bambini. Natale a Villa Mylius

Villa Mylius

Forse, finalmente, il Comune di Varese ha deciso come utilizzare Villa Mylius. Dell’accademia di alta cucina di Gualtiero Marchesi non si sa più nulla. In compenso è stato annunciato che, a partire dal 17 dicembre fino alla vigilia di Natale, si svolgerà nel parco di Villa Mylius a Varese lo spettacolo-evento La Città dei Bambini, una grande festa nella quale fantasia, stupore e meraviglia la faranno da padrone per trasportare bambini e genitori nel mondo incantato delle favole natalizie.

La presentazione dell’evento sarà venerdì 17 settembre, alle ore 18, alla presenza del sindaco Attilio Fontana e del presidente della Fondazione Ipazia – Arte per l’Ambiente Monica Maimone.  “Varese avrà un evento di altissimo livello adatto al “pubblico” che più sente e vive il Natale: i bambini – spiega il sindaco Attilio Fontana -. Venerdì la presentazione in anteprima sarà importante anche per sensibilizzare e raccogliere sponsor. In questo periodo difficile dal punto di vista economico, soprattutto per gli enti locali, la collaborazione con i privati è fondamentale. Per questo confidiamo in una grande partecipazione, a Varese e per Varese”

Il Natale parla ovunque la lingua dell’infanzia, un linguaggio di fantasia, di magia, di poesia che sa rappresentare e raccontare un mondo fantastico, un mondo che nella festa si ritrova. Nel momento in cui una città vuole “fare festa” questo tema acquista allora tutt’altra forza e molto più pregnante è il suo significato. Diventa insomma un grande “dono” della città a se stessa, un sogno, l’utopia della “città – casa di tutti”.

La Città dei Bambini è un progetto per le feste di Natale, che copre tutto il periodo pre-natalizio: vuole essere prima di tutto la costruzione di un linguaggio, il “dono” di simboli, immagini, suoni, figure che trasformino i tempi e gli spazi della città in tempi e spazi di festa. Si è pensato allo spazio di Villa Mylius come ad un luogo esclusivo, al quale possano accedere solo i bambini (naturalmente accompagnati dai genitori). Nessun adulto solo. Uno spazio di sogno, un luogo onirico nel quale si vede la materializzazione dei sogni dei bambini. Un luogo incantato e non contaminato.

E’ come entrare nel cuore di una favola, in un film mai fatto, in uno spazio nel quale la realtà si mescola con la fantasia. Un luogo unico per Varese, La Città dei Bambini.

Non vi saranno sedie: si assiste alla rappresentazione camminando, poiché ci si sposta da un luogo all’altro. Alla fine del percorso, chi vuole, incontra ancora musicisti, danzatori, voci, suoni, colori…Il Parco, insomma, trasformato in un luogo degli incanti.

14 settembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi