Economia

Alberghi e ristoranti, se c’è il marchio è meglio

Camera di Commercio e la Provincia di Varese, nell’ambito del “Protocollo d’Intesa sul Turismo”, propongono la nuova edizione del “Marchio di Qualità per le Imprese Alberghiere e della Ristorazione” così da promuovere lo sviluppo del settore sul nostro territorio.

Come già negli scorsi anni, agli alberghi e ai ristoranti che ne faranno richiesta (e in possesso dei requisiti previsti) verrà assegnato un marchio “a tutela dell’ospite” ovvero “a garanzia della qualità del servizio offerto”. Un marchio che, per gli alberghi, non sostituisce l’ormai tradizionale classificazione, ma vi si affianca quale ulteriore elemento distintivo.

Aderire al Marchio di Qualità significa dare al potenziale ospite una certezza in più che non verrà deluso; significa allinearsi agli standard qualitativi offerti a livello internazionale; significa, infine, dare rilievo all’immagine dell’intero comprensorio, regalando al turista un bel ricordo della nostra ospitalità.

Per le diverse tipologie di imprese alberghiere e della ristorazione, il Marchio costituisce anche uno strumento di autovalutazione: quali servizi ottimizzare, quali introdurre, a quale modello ideale, infine, l’albergo può puntare per affrontare le sfide future. Questo progetto si pone, infatti, anche quale importante opportunità per le strutture che vogliano avviarsi verso un percorso di miglioramento della propria offerta.

La domanda di ammissione alla selezione, scaricabile dal sito www.va.camcom.it, dovrà pervenire alla Camera di Commercio entro giovedì 30 settembre. Le strutture verranno, poi, visitate senza preavviso da un gruppo di esperti che compilerà una scheda di valutazione.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Iniziative di Settore (tel. 0332/295434; email: promozione@va.camcom.it).

1 settembre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi