Varese

Gamberetti, stop alla pesca selvaggia nei torrenti

Stop al prelievo selvaggio di gamberetti dai nostri torenti. Questa mattina a Villa Recalcati, sede della Provincia di Varese, è stato presentato il regolamento che disciplina il prelievo di gamberi di acqua dolce. L’assessore all’Agricoltura e Tutela faunistica della Provincia, Bruno Specchiarelli, ha dichiarato: «I “pescatori” di gamberi ci hanno dato una grossa mano, tanto che la loro presenza pare essere ridotta di parecchio. In questo momento non intendiamo vietare il prelievo a coloro che non hanno la licenza di pesca, ma dare un regolamento di salvaguardia all’ambiente”.

Il regolamento che disciplina il prelievo, annunciato qualche settimana fa, ora è pronto ed è stato studiato per vietare una serie di comportamenti poco rispettosi nei confronti dell’ecosistema lacustre.

Spiega l’assessore di Villa Recalcati: “Non sarà più possibile catturare gamberi con attrezzi più disparati, dal momento che con la scusa di prendere il crostaceo, c’è stato anche chi svolgeva altre attività pescatorie. Sarà vietato utilizzare rastrelli, fiocine e strumenti che possono modificare i fondali dei torrenti. L’unico mezzo consentito sono le mani protette da guanti”. Non mancano anche i divieti tassativi: è vietata la pesca nelle ore notturne e nelle zone protette come la Palude Brabbia.

Conclude l’assessore Bruno Specchiarelli: “Lo scopo di questo regolamento che abbiamo presentato, non è vietare il prelievo, ma impedire atteggiamenti dannosi”.

24 agosto 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi