Mantova

Festivaletteratura, parte il conto alla rovescia

E’ partito il conto alla rovescia per l’evento che ogni anno attira a Mantova il popolo dei lettori, che per un Paese dove si legge sempre meno, non è un risultato di poco conto. Parliamo del Festivaletteratura 2010, in programma nella città dei Gonzaga da mercoledì 8 settembre a domenica 12. Un evento di qualità che ha raggiunto la sua quattordicesima edizione.

Come ogni anno, ma questa volta ancora di più, è palpabile il respiro internazionale della kermesse mantovana. Tanti gli incontri con autori stranieri, e anche appuntamenti in lingua senza traduzione. Ma il festival non soffre di esterofilia: al centro della manifesatazione, quest’anno, ci sono Ennio Flaiano, di cui si potrà vedere la biblioteca di studio ricostruita, e Fernanda Pivano, di cui si potranno seguire alcune registrazioni inedite.

Davvero coraggioso la scelta di puntare i riflettori sui nuovi autori, con la serie di incontri dal titolo “Scritture Giovani”, uno spazio da cui eranbo partiti autori come Valeria Parrella e Flavio Soriga, e che in questa edizione vedrà la presenzaa di Dora Albanese, Catrin Dafydd, Stefania Mihalache e Clemens Setz. Torneranno poi a Festivaletteratura il portoghese David Machado e il gallese Cynan Jones, che a Mantova hanno trovato un editore italiano.

Ma come ogni anno, ancxhe questa volta il vero obiettivo del festival è fare incontrare autori e loro lettori, dando spazio a scrittori che spesso vantano veri eserciti di fans e appassionati. A partire dall’israeliano Amos Oz, al quale nè dedicata una vera e propria retrospettiva. Accanto ad Oz, altri grandi nomi del Pantheon letterario internazionale, come i Nobel Vidiadhar S. Naipaul e Seamus Heaney, insieme allo scrittore di spy-story Frederic Forsyth, al poeta e narratore statunitense Edmund White, allo scrittore e illustratore per ragazzi Tony Ross. Ci saranno anche John Berger, Joseph O’Connor, Azar Nafisi, Hanif Kureishi che torneranno a Mantova dopo alcuni anni.

Dagli Stati Uniti, invece, oltre a Joshua Ferris, Thomas McGuane e la stessa Azar Nafisi, si attendono il nigeriano Chris Abani, e Said Sayrafiezadeh, drammaturgo e scrittore di origine iraniana, mentre, dalla Gran Bretagna, arriveranno i pakistani Kamila Shamsie e Rasheed Araeen, l’anglo-giamaicana Zadie Smith, oltre a Kader Abdolah, iraniano, alla giallista turco-tedesca Esmahan Aykol e al senegalese-italiano Cheikh Tidiane Gaye.

20 agosto 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi