Varese

Pd: “mortificanti” i mini-rimborsi per l’alluvione

Un momento dell'alluvione dello scorso luglio

Le opposizioni gridano allo scandalo, e scendono in campo. Alla fine si conosce lo stanziamento da parte del governo in favore delle vittime dell’alluvione dello scorso luglio: circa 2,5-3 milioni di euro. Una cifra da “elemosina”, incalza il Partito democratico, davvero un nulla rispetto ai danni a beni pubblici e privati, che sono stati quantificati in 40 milioni di euro.

Come dice il consigliere comunale del Pd, Fabrizio Mirabelli, “le responsabilità di questo risultato mortificante e deludente sono da ripartire, in eguale misura, tra il governo nazionale di centrodestra, l’amministrazione regionale di centrodestra, l’amministrazione provinciale di centrodestra e l’amministrazione cittadina di centrodestra”.

Un micro-rimborso che scandalizza le opposizioni, tanto più se si guarda cosa è accaduto di recente. “Recentemente – ribadisce Mirabelli – sono stati stanziati 800.000 euro per la Scuola Bosina. Non sarebbe forse stato prioritario destinare quelle risorse alle 422 persone fisiche, imprese, negozi che sono stati messi in ginocchio dall’alluvione?”.

Il consigliere Pd Fabrizio Mirabelli si domanda anche cosa abbiano intenzione di fare le istituzioni per prevenire il ripetersi di un simile disastro. “Sarebbe interessante, in particolare, conoscere quali azioni concrete abbiano in agenda di compiere per rivedere l’intera regimentazione del fiume Olona; per provvedere direttamente o sollecitare chi di competenza affinché l’alveo dei torrenti Vellone, Simonia e Valle Luna sia pulito più spesso di quanto non è accaduto finora; per pulire almeno una volta all’anno, cosa che, purtroppo, attualmente non avviene, i circa 10.000 tombini cittadini”.

21 luglio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi