Politica

Dario Galli contro “Terra Insubre”: “mina l’unità”

Il leghista Dario Galli, presidente della Provincia di Varese

“Terra Insubre” e Lega Nord ai ferri corti, è un episodio che nessuno, neppure l’osservatore più dotato di fantasia, avrebbe mai potuto immaginare fino a pochi mesi fa. Quella che era la punta di diamante del Carroccio, l’ambizioso laboratorio di idee e luogo di confronto, è diventato oggi una realtà estranea, guardata con diffidenza, verso la quale il Consiglio federale della Lega ha dichiarato addirittura l’incompatibilità.

Ma come si guarda alla querelle dall’interno del partito lumbard? Cosa ne pensa un autorevole esponente di vertice come Dario Galli, presidente della Provincia di Varese? “Quello che volevo dire, l’ho già detto”, risponde elusivo il presidente di Villa Recalcati.

Ma poi aggiunge: “In un momento in cui stiamo arrivando ai momenti topici delle grandi riforme federaliste – dice Galli -, quando stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro lungo e difficile, la Lega deve essere un blocco monolitico, un perfetto meccanismo politico-amministrativo. Non può concedersi alcuna distrazione, né rischiare che un corpo estraneo ne possa minare, dall’interno, l’unità”.

Un giudizio duro sull’associazione culturale, non crede? “Penso che la Lega Nord non possa tollerare nulla che ne metta a rischio l’unità di esercito perfetto raccolto attorno ad Umberto Bossi”.

E a proposito della dichiarata disponibilità del ministro Maroni a ricoprire il ruolo di primo cittadino a Varese, cosa pensa? “Maroni è un grande personaggio e farebbe benissimo il sindaco di Varese”. Galli sottolinea il fatto che il ministro pensa a chiudere la sua carriera politica laddove l’ha iniziata, a Varese. “Dunque, stiamo parlando di un tempo ancora molto lontano – sorride il presidente della Provincia -, ne avrà di cose da fare ancora per molti anni. Ma è interessante che uno che è arrivato al vertice pensi di tornare al suo territorio. Un attaccamento che contraddistingue il nostro partito”.

16 luglio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi