Esterno Notte Suoni, quando la celtica non è nera

I Lúnasa si esibiranno ad Esterno Notte Suoni

Grande “Irish Night”, lunedì prossimo 5 luglio, ore 21.30, sotto il tendone dei Giardini Estensi di Varese, nell’ambito della bella rassegna, organizzata da Filmstudio 90 in collaborazione con il Comune, “Esterno Notte Suoni”. Saranno sul palco due formazioni, i nostri amatissimi Polverfolk e gli irlandesi Lúnasa. Un concerto dai suoni celtici e non solo, che conferma come questa tradizione musicale non sia appannaggio solo di nostalgici in camicia nera (o grigia).

Il gruppo Polverfolk nasce nel 1976 come un momento d’incontro tra amici, dove l’amore per la musica e le passioni sociali erano tra le principali motivazioni di interesse e di espressione comune. Una sorta di “collettivo musicale” con caratteristiche di attenzione più agli aspetti relazionali e politici che alle tendenze musicali. Da qui la scelta di dedicarsi alla ricerca e all’esecuzione musicale di un repertorio poco frequentato ma dalla particolare carica espressiva: la musica folk, ed in particolare quella celtica, quale manifestazione più autentica dello spirito di un popolo. Nella musica celtica convivono elementi fantastici ed altri crudamente realistici, immagini poetiche ed elementi del vivere quotidiano. La gioia di vivere della gente irlandese si esprime nelle chiassose canzoni da pub, insieme al vigore patriottico dei canti solenni, alle struggenti storie d’amore e alla straordinaria fantasia narrativa.

Per la prima volta volta sul palco dei Giardini Estensi, presenteranno il loro storici successi e i brani dell’ultimo cd “Sunflowers”. Formazione: Dario Cecchin – voce, bodhrán, spoon; Duilio Garzolino – voce, chitarra, bouzouki; Lila madrigali O’Shea – voce, chitarra; Roberto Rainaldi – great Highland bagpipe; Daniele Rigamonti – bodhrán, snare drum, cajon, percussioni; Adalberto Zappalà – basso acustico, mandolino, voce; Augusto Gentili – whistle, low whistle, basso acustico, spoon; Loredana Bego – Irish dance.

Nella notte varesina si esibirà anche la più importante band attualmente attiva sulla scena irlandese, un concentrato di pura energia che si scatena nell’interpretazione di brani tradizionali, opportunamente arrangiati in maniera originale e innovativa. I singoli componenti sono tutti eccezionali strumentisti e vantano precedenti illustri alla corte dei Waterboys e di Sharon Shannon.

In attivo dal 1997, gli irlandesi Lúnasa sono un vero e proprio supergruppo che si è rapidamente imposto al pubblico e alla critica internazionale, rivelandosi tra le migliori realtà di quell’isola. I loro primi lavori discografici sono già considerati alla stregua di vere e proprie pietre

miliari della scena musicale irlandese. Sin dagli inizi i Lúnasa si sono assestati sulla medesima line-up, rivelando una magnifica intesa e dimostrando innate capacità di dare vita ad un sound assolutamente fresco e innovativo, energico, che ha fatto le fortune del quintetto. L’autorevole rivista Folk Roots li definisce a ragione “Irish music dream team”. Nel 2005 un importante cambio di formazione, poi altre fortunate incisioni e due anni più tardi è l’anno del decennale.

La BBC dà il proprio contributo riprendendo lo spettacolo del Glasgow’s international jamboree – Celtic Connections facendo dei Lúnasa l’unico gruppo ad essere stato filmato per due volte dalla BBC per lo stesso evento. Il giro per il mondo continua con un lungo viaggio attraverso l’Australia, poi l’Alaska e il ritorno in tredici degli Stati Uniti. In marzo l’Irish Music Magazine dedica loro la copertina e un grosso articolo che ne celebra il… “Decennio d’eccellenza”. Sempre nel solco delle ‘celebrazioni’ del decennale, esce nel 2008, per l’americana Compass Records, ‘The Story so Far…’ un’antologia che raccoglie brani da ognuno dei loro album, rimirati e rimasterizzati per l’occasione.

E siamo ai giorni nostri. Ora i Lúnasa tornano in Italia, dove vantano una certa notorietà ed un grande seguito: la festa è assicurata! Formazione: Kevin Crawford – flauto; Trevor Hutchinson – basso; Paul Mehan – chitarra; Cillian Valley – pipes; Tola Custy – violino.

Ingresso EUR 16,00 / ridotto EUR 14,00 (tessere Filmstudio ’90, ARCI, COOP, under 18 anni, over 60).

29 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi