Cinema

Cinema, c’è chi dice no. Un libro di Fantoni Minnella

Maurizio Fantoni MinnellaNon c’è dubbio che si tratta di un’opera controcorrente, ora che il cinema italiano è rientrato nelle cucine, nei salotti, ora che si è rifugiato scaltramente nelle fiction televisive. No, questo volume non lo troverete nel tinello di casa vostra. Quelli svegli, lo possono capire fin dal titolo: “Paradise Now. Sulle barricate con la macchina da presa. Cinema e rivoluzione negli anni sessanta e settanta”, pubblicato dalla Marsilio. Lo ha firmato un critico cinematografico, Maurizio Fantoni Minnella. Ha scelto, per il bel titolo, un mitico spettacolo del Living Theatre, che qualcuno tra noi anzianotti ha avuto la fortuna di vedere (come quello di Toller, Masse Mensch: che emozioni!).

Fantoni Minnella non è nuovo a questa fase del nostro cinema. Aveva infatti pubblicato, qualche anno fa, nella prestigiosa collana Utet, un volume sui registi “Non riconciliati”. C’è bisogno, oggi, con questi venti di destra che soffiano imperiosi, di libri come questi. Il nuovo volume sarà presentato a settembre presso la libreria Feltrinelli di Varese.

Il volume appena uscito da Marsilio riallaccia, dunque, i fili di un discorso già intrapreso. E documenta, sul fronte saggistico, una riflessione che Fantoni Minnella continua a proporre “live” alla Sala Urano che dirige all’interno del Multisala Impero di Varese, e che si esprime nelle rassegne di documentari e negli incontri con i registi che in questo spazio trovano un pubblico esigente e attento. Numerose le pubblicazioni di questo critico e scrittore:La legge del desiderio. Cinema e rotico ed erotismo nel cinema, Edizioni Falsopiano, Alessandria 1998; Hispanidad e trasgressione il cinema di Pedro Almodovar, Tarab, Firenze 1998; Labirinto di passioni, Besa editore, Lecce 2003; Morire di piacere. Il mito del vampiro nel cinema, Gs Santhiatese, Santhià 2000; Bigas Luna, Gremese editore, Roma 2000; Bad Boys dizionario critico del cinema della ribellione giovanile, prefazione di Aurelio Grimaldi, Bruno Mondadori, Milano 2000; Non riconciliati. Cinema e politica dal neorealismo a oggi, Utet, Torino.

Maurizio Fantoni Minnella, inoltre, da più di vent’anni fa parte dello SNCCI (Sindacato Nazionale Critici Cinematografici italiani), collabora da circa vent’anni, con saggi su vari argomenti, alla rivista specializzata Cinecritica. Sue recensioni di film sono presenti nella rivista on line Cinecritica web. A Varese dirige il Festival La Settimana del Documentario rassegna festival dell’Altro Cinema e presiede l’Associazione culturale FreeZone.

Ha poi esordito come regista di un recente documentario “Caos totale”, un reportage-diario sulla marcia dei pacifisti alla volta della Striscia di Gaza, un viaggio pensato ed organizzato, ma mai avvenuto, perchè i pacifisti furono bloccati in Egitto. Delusione e frustrazione, sentimenti d’amicizia e volontà di lotta costituivano le tinte predominanti di questo affresco affidato alla pellicola.

29 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi