Varese

Avrà il nome di Montanari la sala del Rivoli

La sala dell'ex Rivoli

Sarà intitolata ufficialmente mercoledì 30 giugno, alle ore 18, la sala conferenze di via dei Bersaglieri 1 a Giuseppe Montanari, indimenticato pittore varesino, di cui nel 2011 ricorre il 35° anniversario della scomparsa.  Interverranno il sindaco Attilio Fontana, i figli dell’artista, Cini e Marisa Montanari insieme alla nipote Daniela.

“E’ un omaggio doveroso ma soprattutto un onore per la nostra città l’intitolazione dell’auditorium – spiega il sindaco -. Montanari fu un artista che ha dato tanto al territorio. Proprio all’ex cinema Rivoli primeggia un affresco eseguito da Montanari nel 1939: da mercoledì, quindi, la sala verrà denominata ufficialmente Sala Montanari. Abbiamo così anche accolto la richiesta dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra”

Montanari nasce ad Osimo nel 1889. Compie gli studi classici a Fermo e si trasferisce a Milano nel 1906 dove frequenta l’Accademia di Brera, allievo di Cesare Tallone. Dopo la Prima Guerra Mondiale si trasferisce a Varese, che diventa la sua città di adozione. Negli anni tra le due Guerre Mondiali, oltre che ai quadri (ritratti e paesaggi) si dedica anche alla “pittura murale”: decora grandi ambienti pubblici con storie didascaliche, citando tempi del passato classico e della mitologia rivisitati in chiave moderna. Affresca alcuni edifici pubblici e privati come il Teatro Impero, la Casa del Mutilato (attualmente ex-Cinema Rivoli), il Palazzo delle Corporazioni (attualmente Camera di Commercio), il Palazzo Littorio (sede attuale della Questura), oltre ad una serie di edifici privati in provincia di Varese. Montanari scompare a Varese il 15 aprile 1976.

Montanari, come ricorda la sua famiglia, “lo si può ritrovare in molteplici forme espressive dalle tecniche pittoriche spesso sorprendenti e così diverse tra loro: non un “tecnico” della pittura, bensì “un “ricercatore” del segno pittorico”. Fu anche saggista e critico d’arte, pubblicando numerosi volumi e articoli.

Durante la cerimonia è in programma il recital tratto dagli scritti dell’artista “El me’ Milan, un marchigiano in Lombardia”, un lavoro ideato e diretto dall’attore e regista Andrea Chiodi.

28 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Avrà il nome di Montanari la sala del Rivoli

  1. Luisa Oprandi il 29 giugno 2010, ore 01:19

    Ricordo Giuseppe Montanari con affetto, attraverso i ricordi di mio padre e i suoi rapporti con il pittore varesino. Varese lo assegna alla memoria collettiva intitolandogli l’ex Rivoli. Continuo a pensare che sia molto importante regalare ai giovani la testimonianza di persone che nei diversi ambiti hanno dato valore al territorio e quindi mi farebbe paicere che ad ogni iniziativa di valorizzazione di personaggi “illuminati e illuminanti” si accompagnassero delle iniziative nelle scuole.

Rispondi