Varese

A Parigi su due ruote. Portando Varese in Europa

Ciclisti in partenza da Villa Recalcati

Una simpatica iniziativa cicloamatoriale che affida allo sport un messaggio di promozione e conoscenza della nostra provincia, delle sue bellezze, della ricchezza che può offrire a chiunque venga a visitarla. “Non è una gara”, ci tengono a precisare gli organizzatori. Piuttosto un’iniziativa che, come dice il titolo, possa portare “Varese in Europa”, viaggiando su due ruote che corrano veloci da Varese alla città della Tour Eiffel. Una bella corsa organizzata dall’Actl, presieduta dal cavaliere Vincenzo Bifulco (che, inarrestabile, ha anche composto un’orecchiabile inno per l’iniziativa, che canta a squarciagola), e sostenuta da tanti enti, tra i quali Comune e Provincia di Varese, oltre che dalla Regione Lombardia. Collaborazione anche del quotidiano “La Prealpina”, presente alla partenza con Angeleri direttore e Spartà ciclista.

Dopo la Varese-Palermo, e la Varese-Madrid, questa volta si puntano le bici verso Parigi. Sono 29 i ciclisti amatori che sono partiti questa mattina appena fuori da Villa Recalcati, sotto lo sguardo attento di Paola Della Chiesa, che dirige l’Agenzia Provinciale del Turismo con polso di ferro e inizia a “sfornare” iniziative (finalmente) dopo tanti anni di silenzio. Molti gli amici, i parenti, i semplici curiosi che hanno circondato gli arditi ciclisti, che arriveranno nella capitale francese l’1 luglio, preceduti da una staffetta motociclistica e seguiti da qualche furgone per l’assistenza.

Un modo singolare e innovativo per fare marketing territoriale, come piace dire agli assessori. Più semplicemente un’iniziativa che unisce sport e turismo, con l’obiettivo che anche altrove, in Europa, si conosca Varese e si possa puntare sul suo territorio. La Provincia si sta muovendo da tempo su questo fronte, e l’iniziativa di questa mattina ne conferma lo sforzo.

FOTOGALLERY

24 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi