Varese

In arrivo tagli del 20% di pre e doposcuola

Riflettori puntati sui servizi parascolastici da parte delle opposizioni. In particolare, ad entrare nell’occhio del ciclone sono prescuola e doposcuola secondo la filosofia del centrodestra che governa il Comune di Varese. A prendere la parola sono i consiglieri comunali Nicola Milana (Partito democratico) e Angelo Zappoli (Sinistra Ecologia Libertà). Alzano il tiro su quello che definiscono “l’ennesimo attacco al sistema dei servizi parascolastici”.

Se nell’anno scolastico appena finito il Comune garantiva 17 prescuola e 20 doposcuola, l’ipotesi presentata per il prossimo anno, se confermata, rischia di tagliare 2 prescuola (garantendo il servizio a soli 246 utenti su 271 domande) e di attivare solo 16 doposcuola rispetto ai 20 di ieri (378 utenze su 409 richieste sul doposcuola breve e 580 su 658 sul lungo) con un taglio secco del 20% dei servizi attivati.

“Uno scenario – dichiarano Milana e Zappoli – che non è accettabile, né giustificabile con alcuna motivazione “tecnica” legata alle risorse ed agli impegni del settore dei servizi educativi. Se infatti è evidente che gli impegni sono determinati dalla legittima domanda che la cittadinanza rivolge all’ente locale, è legittimo supporre che l’aumento di domanda di prescuola dipenda da una maggiore complessità delle condizioni lavorative, è ancora più evidente che la capacità dell’ente locale di farvi fronte è una scelta politica, legata alla disponibilità di risorse ed alle scelte di spesa”.

Concludono i due consiglieri di opposizione: “non vogliamo mettere in allarme le famiglie varesine, ma chiediamo che venano riviste le scelte della Giunta e le loro modalità applicative troppo restrittive, attendendoci entro i primi di luglio un riscontro positivo alle nostre istanze”.

17 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “In arrivo tagli del 20% di pre e doposcuola

  1. Mauro Costantini il 8 marzo 2013, ore 11:48

    Giustissimo il taglio…..non servono a nulla, persone perfettamente inutili negli istituti scolastici , un onere non indifferente per il Comune !!!!

Rispondi