Chiesa

Chiuso dalla Curia, il “Resegone” rinasce on line?

Il settimanale diocesano in versione cartacea

Chiuse dalla Curia di Milano nel 2007, le due storiche testate diocesane “Luce” (a Varese) e “Il Resegone” (a Lecco) sono state congelate in questi ultimi anni. Tra le ragioni di questo stand bye le conseguenze della traumatica chiusura. Una scelta che comportò il licenziamento, tra Varese e Lecco, e tra giornalisti e amministrativi, di una ventina di persone, che sono finite in cassa integrazione, una condizione che non consentiva la ripartenza dei due settimanali. Ora che la cassa è finita (ad ottobre di quest’anno), pare che qualche cosa inizi a muoversi.

Per ora non a Varese, ma a Lecco. Secondo indiscrezioni, nella città lariana si sta pensando a fare ripartire la storica testata cattolica, di proprietà della parrocchia di San Nicolò (così come la testata “Luce” appartiene alla parrocchia varesina di San Vittore).

Al momento si tratterebbe non di un settimanale cartaceo, ma di un settimanale on line. Un progetto sostenuto dal prevosto di Lecco, monsignor Franco Cecchin, giornalista, alla testa per anni di Radio Marconi. A dirigere la nuova testata arriverebbe un noto giornalista, Alberto Comuzzi, che in passato ha lavorato per “Il Tempo”, ad Assolombarda, ad “Avvenire” ed è stato caposervizio di “Jesus”, prestigioso mensile del Gruppo San Paolo.

Non sono chiari i tempi di uscita della nuova versione on line del settimanale diocesano, dal quale comunque sarebbero esclusi i giornalisti che, dalla testata “Il Resegone”, sono stati licenziati tre anni fa.  A tale proposito, non è dato a sapere quale sia la valutazione in merito di Curia di Milano e della Pastorale del lavoro diocesana, due realtà impegnate negli ultimi anni a difendere il lavoro e a sostenere la famiglie dei lavoratori licenziati.

3 giugno 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi