Varese

Il ministro Maroni: “Varese capitale della sicurezza”

Maroni presiede il summit G6

E’ stata la giornata del ministro Maroni la prima del summit del G6 a Varese. Un appuntamento voluto a Varese proprio dallo stesso Maroni, che da subito ha messo in vetrina la città che, tra mille disagi, ospita l’incontro dei ministri degli Interni europei ed americani. “Per due giorni Varese sarà la capitale della sicurezza – ha detto il ministro leghista -, insomma sarà caput mundi”. Una partenza che ha visto Maroni attendere i colleghi internazionali ai Giardini Estensi, per dare loro il benvenuto e consentire le foto di rito.

Fuori dal palazzo uno sparuto gruppetto di curiosi che sosta davanti al portone di Palazzo Estense, dove si svolge la riunione internazionale, mentre era potente lo spiegamento di forze dell’ordine, Carabinieri, Polizia, Digos, Guardia di Finanza, Polizia Locale. Uno spiegamento di forze terrestri affiancato da elicotteri che hanno continuato a sorvolare il centro della città fino a sera.

Prima di iniziare il summit, Maroni ha indetto una conferenza stampa volante, in cui il ministro vola alto. Anzi altissimo: lancia infatti l’idea che, per l’esperienza maturata, l’Italia possa svolgere il compito di ambasciatrice per l’Europa in Africa. Per quanto riguarda domani, e la sessione che si occuperà di lotta alla criminalità organizzata, Maroni ha ripetuto numeri e risultati, mafiosi arrestati e patrimoni sequestrati.

Sul fronte, infine, del contrasto al terrorismo internazionale, Maroni ha tenuto a riaprire il caso Abu Omar, l’Imam milanese catturato dai g-men della Cia, che ora si trova in carcere nel nostro paese. “Resterà in carcere, statene certi, ma appena terminerà la pena mi occuperò io stesso che vena subito spedito definitivamente in Egitto”.

Dopo la cena di gala firmata da Gualtiero Marchesi questa sera alle Ville Ponti, domani mattina il vertice riprenderà. E all’ora di pranzo si tireranno le conclusioni in una conferenza stampa. Certamente presieduta dal ministro Maroni.

FOTOGALLERY

28 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi