Cultura

Un debutto “in punta di piedi”. Con benedizione di Raffo

Da sinistra, Mammano, Raffo, Tomassini e Macchione

Sono 34 le poesie che ci vengono proposte dal libro “In punta di piedi”, scritto da Alessandra Mammano e pubblicato dall’editore Macchione. E’ l’opera prima di una laureata in medicina e anche responsabile dell’area Comunicazione dell’Asl di Varese, che si lancia nella sfida di rivelarsi al pubblico con liriche che vengono impreziosite da una bella prefazione di Silvio Raffo e dalle illustrazioni fiabesche di Andrea Tomassini. Un testo che avrebbe dovuto intitolarsi “L’onda anomala”, come ha rivelato l’editore Macchione, “in quanto ogni libro di poesie è una cosa anomala”.

Alla presentazione del volume, il poeta e traduttore Silvio Raffo, con la consueta raffinata ironia, ha sottolineato come la Mammano si caratterizzi per due doti nella sua scrittura: discrezione e riflessione. E poi si tratta di versi che propongono figure e situazioni che bene si abbinano ad illustrazioni, come nel caso del libro in questione. “C’è concordia tra la semplicità del testo – ha detto Raffo – e la fiabesca eleganza delle illustrazioni”. Addirittura il poeta varesino ha evocato, paragonandole alle tavole formate dela giovane Tomassini, figure di celebri illustratori come Beardsley e Kay Nielsen.

Riflessioni e considerazioni che sono poi state seguite da una lettura di alcune poesie da parte di Raffaella Realini. In sala erano presenti diverse autorità: il senatore Antonio Tomassini, padre del giovane illustratore, e l’assessore alle Politiche educative del Comune di Varese, Patrizia Tomassini. Tra il pubblico anche il vicepresidente della Provincia di Varese, Gianfranco Bottini, e il vicesindaco di Varese, Giorgio De Wolf.

22 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi