Varese

Palazzo Estense, va in tilt la sala che ospiterà il G6

Votazione manuale nel Salone Estense

Una seduta, quella del Consiglio comunale di Varese, ieri sera, senza particolari intoppi in vista. Si apre leggermente in ritardo, consiglieri di maggioranza e di opposizione a  ranghi completi, presenza in aula anche del sindaco Attilio Fontana. Una seduta come le altre, una seduta come tante.

All’ordine del giorno, un punto illustrato dall’assessore ai Lavori pubblici, Gladiseo Zagatto. Un punto che, forse, a qualcuno dei presenti, avrebbe potuto evocare qualche pensiero scaramantico: si parlava infatti dell’ampliamento del cimitero comunale e monumentale di viale Belforte.

Una relazione, quella di Zagatto, che si sente con difficoltà in Salone Estense, e che porta qualche consigliere ad attendere con una certa impazienza il voto finale. Che, però, quando sta per arrivare, non arriva.

O meglio: si sente un rumore fastidioso e tutto il sistema di amplificazione, nonché quello relativo al maxi-schermo su cui compare l’esito delle votazioni, va letteralmente in tilt. Subito intervengono i tecnici, cercano di capire qual è la causa, verificano cavi e prese di elettricità. Anchje qualche consigliere cerca di aiutarli. Ma niente di fatto: non si riesce a rimettere in sesto l’impianto.

Nulla di male, si potrebbe dire. Qualcuno, più scaramantico avrà toccato ferro (o qualche altra cosa), considerato l’argomento. Se non che proprio nello stesso luogo, il Salone Estense, è in programma, fra una settimana, il G6, cioè il summit dei ministri degli Interni voluto da Maroni. Un appuntamento in cui i partecipanti, europei ed americani,  rischiano di dovere alzare la voce per farsi sentire. O alzare la mano, se andasse ai voti qualche proposta.

Il punto all’ordine del giorno è passato quasi all’unanimità (un solo astenuto). Con i consiglieri che hanno votato alzando la mano e il presidente Morello a fare la conta dei voti. Arriva il G6, ma anche una figuraccia per la città.

21 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi