Varese

Varese blindata per l’arrivo dei ministri del G6

Da sinistra il sindaco Fontana e il segretario generale Ciminelli

Venerdì 28 e sabato 29 maggio la città di Varese sarà off-limits. Nel cuore della città, Palazzo Estense, si incontreranno i ministri degli Interni di Italia, Inghilterra, Francia, Spagna, Germania, Polonia, oltre al ministro degli Interni e a quello della Giustizia dell’amministrazione Obama. Un summit che si chiama G6 e che farà volgere i riflettori dei media sulla nostra città. All’ordine del giorno il contrasto della criminalità organizzata.

Il summit, tuttavia, comporterà disagi e limitazioni. Infatti, se si esclude una cena di gala alle Ville Ponti il venerdì sera, e il fatto che tutta la stampa accreditata sarà ospitata presso il Teatrino Santuccio, le riunioni dei ministri si svolgeranno al Salone Estense. E presso i Giardini Estensi si terrà il brunch, curato, insieme alla cena, dal grande chef Gualtiero Marchesi. “E’la prima occasione per stringere i rapporti tra Varese e Marchesi, interessato alla nostra Villa Mylius”, dice il sindaco Attilio Fontana.

Tuttavia, certamente per ragioni di sicurezza, in Comune prevale il basso profilo. Non si capisce quale sarà il dispiegamento di forze di polizia e di sicurezza, né quanto saranno intensificati i controlli in città. Nessuna notizia, al momento, di contestazioni e proteste da parte dei No-global. L’unica cosa certa sono le limitazioni del traffico: via Sacco resterà chiusa al traffico automobilistico (ma non ai pedoni) dalle 13.30 di venerdì fino a sabato pomeriggio, con relativa deviazione dei mezzi pubblici. Chiuse anche via Verdi (tra via Sacco e via Copelli) e Via Bernascone (tra via San Francesco e via Sacco).

“Adotteremo le misure meno impattanti possibile, con limitazioni contenute, praticamente impercettibili per i cittadini”, spiega il sindaco. Un esempio, a tale proposito, è che i negozi di via Sacco resteranno aperti, anche se il Comune ha sentito la necessità di scrivere ai negozianti, chiedendo loro, come recita la lettera di Fontana, “un po’ di pazienza e collaborazione per eventuali disagi”.

19 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi