Varese

Arriva il G6 e in città s’abbassano le saracinesche

Arriva il G6 e sulla città sembra scendere il coprifuoco. La riunione dei ministri degli Interni europei, più esponenti dell’amministrazione americana, si terrà proprio a Varese, il 27 e il 28 maggio. Un summit voluto dal ministro degli Interni, Roberto Maroni, che parteciperà a sua volta, ma che certamente comporterà diversi disagi alla cittadinanza varesina.

Non si è infatti pensato di fare svolgere la riunione dei ministri presso sedi comunali (o non) meno centrali. No: il fulcro del summit europeo sarà proprio il cuore della città, e cioè Palazzo Estense e il Teatrino Gianni Santuccio.

Qualche avvisaglia di quelli che potranno essere i disagi, la si è avuta già oggi, quando il  segretario generale del Comune, Filippo Ciminelli, ha predisposto ed inviato ai dipendenti una circolare che regola le attività presso la sede comunale di via Sacco  e presso le strutture limitrofe (Biblioteca, Informagiovani, Varesecorsi e Villa Mirabello) in occasione del G6.

E’ vero che per non interrompere alcuni servizi essenziali (anagrafe, stato civile e cimiteriali), sarà aperto uno sportello, nelle giornate del 27 e 28 maggio, presso la sede di via Copelli. Resteranno invece abbassate le saracinesche per gli uffici che operano dentro Palazzo Estense, per la Biblioteca Civica, per i Musei Civici di Villa Mirabello e per la sede di Varese Corsi in piazza Motta. E siamo solo all’inizio.

12 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi