Roma

Fontana “strappa” un sì a Tremonti il duro

Fontana, presidente Anci Lombardia

Un tavolo tecnico permanente sui problemi della finanza locale per i Comuni, che si riunirà ogni quindici giorni. E’ quanto la delegazione di Anci ha ottenuto oggi nell’incontro con il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Anche Attilio Fontana, presidente di Anci Lombardia, ha preso parte al tavolo con il presidente Sergio Chiamparino, il vicepresidente Osvaldo Napoli, il presidente del Consiglio Nazionale Gianni Alemanno e i presidenti di Anci Basilicata ed Emilia Romagna Vito Santarsiero e Roberto Reggi.

“E’ molto importante che il Governo abbia deciso di dialogare con noi sindaci e che ai Comuni sia riconosciuto il ruolo di interlocutori istituzionali – commenta Fontana -. Ritengo anche molto positivo che oggi sia iniziato un percorso di incontri istituzionalizzati a scadenza regolare. E’ questo il modo giusto per affrontare i problemi”.

“E’ iniziato un percorso molto importante – afferma Chiamparino al termine dell’incontro – che speriamo vada avanti”. Sul tavolo, spiega il presidente dell’Anci, “principalmente tre temi: la restituzione di circa 800 milioni di risorse tagliate ai Comuni e non restituite. A medio termine l’allentamento del patto di stabilita’ e la discussione sul federalismo fiscale e l’autonomia impositiva per gli enti locali”.

Chiamparino ha ricordato che “dal 2004 al 2009 i Comuni hanno dato un contributo positivo al saldo della pubblica amministrazione: sappiamo che i sacrifici in questo momento sono inevitabili, ma chiediamo anche si dia la giusta attenzione al ruolo positivo svolto dai Comuni”.

5 maggio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Fontana “strappa” un sì a Tremonti il duro

  1. ETTORE il 25 maggio 2011, ore 06:45

    SI SA COME VANNO A FINIRE LE PROMESSE DI TREMONTI. SE EGLI VUOLE VERAMENTE RISANARE L’ ITALIA, MI PERMETTO DI FARE UNA PROPOSTA: TUTTI I PARLAMENTARI CHE HANNO UNA DOPPIA ATTIVITA’, COME LO STESSO TREMONTI, RINUNCIARE PER QUALCHE TEMPO AI LORO EMOLUMENTI PER IL RUOLO CHE SVOLGONO IN PARLAMENTO, ACCONTENTANDOSI SOLO DEL RIMBORSO DELLE SPESE DI ALLOGGIO, VISTO CHE VIAGGIANO GRATIS E CERTAMENTE AVRANNO SIA AL SENATO CHE ALLA CAMERA MODO DI SFAMARSI. ilpunzecchiatore

Rispondi