Varese

Pd, il “day after” del bilancio. “Lo abbiamo migliorato”

I banchi del Pd in Consiglio a Varese

Nessun inciucio, nessuna stampella alla maggioranza forzista-aennina-leghista, più cespugli, che governa a Varese (non citiamo il Pdl perché, al momento, non esiste alcun gruppo con questo nome in Consiglio). Dopo l’accordo tra maggioranza e partito di Bersani, e dopo il sì al bilancio preventivo in tempi record, l’accordo, che Nicoletti bolla come “mega-inciucio”, tiene banco.

Il “day after”, insomma, è all’insegna dell’interrogativo: il Pd si appresta ad appoggiare la Giunta Fontana? Dobbiamo attenderci, per questo ultimo, stanco, grigissimo anno che ci separa dalle prossime elezioni, una serie di sfavillanti doppi salti mortali targati ex Margherita ed ex Ds?

“Ma su, non scherziamo, non trasformiamo la politica in una macchietta”. Rifiuta ogni dietrologia Roberto Molinari, segretario del Pd varesino e consigliere comunale che ha presentato quasi la metà degli emendamenti accettati dalla maggioranza. “Siamo e restiamo all’opposizione. Anche per questo quinto anno. Come dimostra il fatto che, pur accettati da parte del centrodestra alcuni nostri emendamenti, il nostro voto finale sul bilancio è stato negativo”.

Sì, ma qualcuno ha parlato di accordo sotto banco… “Nessuna segretezza. Abbiamo fatto proposte alla maggioranza su tre grandi temi – continua Molinari -: servizi sociali, servizi educativi e strade. Abbiamo cercato in questo modo di migliorare il bilancio, per quanto ci consentissero i numeri. E tutto è avvenuto alla luce del sole”.

Ma avete portato a casa pochino… “E’ ovvio che si poteva sperare in qualcosa di meglio, ma è il massimo che si potesse ottenere da questa maggioranza”.

Nicoletti è scatenato contro di voi del Pd… “Ma la politica non è una partita di calcio, in cui c’è chi vince e chi perde. La politica deve raggiungere dei risultati positivi per i cittadini, e se questo comporta accordi tra minoranza e maggioranza, gli accordi si fanno. Non serve a nulla il muro contro muro”.

Insomma, che bilancio si è data Varese? “E’ passato un pessimo bilancio. Senza slancio politico, senza una direzione di percorso chiara, senza alcuna voglia di rilanciare le attività produttive. E poi con capitoli di spesa da coprire con alienazioni immobiliari. Che, puntualmente, non vengono fatte”.

28 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi