Gavirate

Sorgerà un museo su Morselli nella sua Casina rosa

La giovane studiosa Linda Terziroli

Il lavoro continuativo, silenzioso, appassionato, alla fine premia. E così il poeta Silvio Raffo e la giovane studiosa Linda Terziroli, un po’ i genitori del Premio Morselli, riusciranno a condurre in porto la loro grande impresa: realizzare nella Casina rosa di Santa Trinita a Gavirate, “buen retiro” dello scrittore geniale ed appartato Guido Morselli, un piccolo museo che raccolga immagini e memorabilia relative a questo grande che, anche grazie al Premio, è ritornato in vita.

Data del taglio del nastro del museo il 23 maggio, quando presso la Casina rosa, di proprietà del Comune di Gavirate, sarà inaugurata una targa, oltre al fatto che proprio lì si svolgerà l’ultimo degli appuntamenti dedicati quest’anno a “Guido Morselli genio segreto”. Alle 21 ci sarà la proclamazione dei vincitori e lettura degli incipit dei romanzi premiati (l’autore che vincerà il concorso sarà pubblicato dalla casa editrice Nem).

“Siamo molto soddisfatti che sia stata già realizzata una ristrutturazione – dice la Terziroli impegnata nella realizzazione del piccolo museo -. Ora si tratta di portare nei locali immagini, i volumi appartenuti a Morselli, i volumi e le tesi di laurea che hanno approfondito la sua figura”. Ma non si tratterà di una sede museale chiusa ed accademica. “Tutt’altro – ribatte la giovane studiosa che ha curato il volume “Lettere ritrovate” con le missive appartenute a Morselli –. Vogliamo che diventi un luogo vivo dove organizzare convegni, confronti, presentazioni. Insomma, un luogo in cui fare crescere e ampliare il dibattito culturale ‘made in Varese’”.

14 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi