Lettere

Degrado in stazione

Spesso in Italia i giornali parlano molto di treni ad alta velocità di ultima generazione che vanno a 300 all’ora, gioielli tecnologici di cui un italiano medio dovrebbe vantarsi.

Le foto che allego non sono di un caseggiato abbandonato degli anni ’50 o dei bagni di una stazione del Burundi (con tutti rispetto) ma dei bagni della stazione di Crugnola-Mornago.

Quando è stata costruita la stazione erano gia previsti bagni divisi tra uomini e donne, ora invece quello che rimane dei bagni (privi di acqua) è una cosa indecente. Le foto possono rendere le immagine del degrado, ma non certo gli odori.

Per mia fortuna utilizzo poco i treni, ma spezzo 100 lance a favore dei pendolari che hanno a che fare quotidianamente con questo schifo.

Allego anche, per rendere l’idea, la foto dei bagni della piccola stazione di Visp, Canton Vallese (CH), notate le differenze tra la nostra amata Italia e una stazione nella vicina Svizzera

Le strade sono sempre più trafficate, la soluzione potrebbe consistere nel spostare i pendolari su rotaia, ma non certo a queste condizioni

Spero che, prima o poi, qualcuno faccia qualcosa.

Devis Tonetto

FOTOGALLERY

14 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi