Media

Decreto Tremonti, a Varese il Pd alza il tiro

Sul decreto Tremonti-Scajola che abolisce le tariffe postali agevolate per l’editoria, scende in campo il Pd di Varese. Un duro comunicato è stato firmato dal consigliere comunale Pd, Fabrizio Mirabelli.

“Con il decreto interministeriale Tremonti-Scajola del 30 marzo 2010, pubblicato il 1° aprile in Gazzetta Ufficiale e in vigore con effetto immediato, il governo di centrodestra (PDL e Lega Nord) ha soppresso, infatti, le tariffe agevolate postali per tutta l’editoria libraria, quotidiana e periodica.  Tale scelta miope e ottusa, provocando un aumento del 500% circa per ogni singola spedizione – sostiene Mirabelli -, colpisce duramente la piccola editoria, rischiando di provocare la chiusura per fallimento di tanti settimanali e periodici indipendenti, del terzo settore, delle associazioni di volontariato, della cosiddetta società civile, che, in molti casi, già lavorano in perdita, avendo come scopo fondamentale la sensibilizzazione, la fidelizzazione e la raccolta di fondi in favore di iniziative benefiche in Italia e nel mondo”.

Dato che il provvedimento giunge a campagna abbonamenti già chiusa, “si tratta di un danno grave e immediato per gli editori che, ora – continua Mirabelli -, si trovano a dovere spedire agli abbonati a costi maggiorati. Un danno e una beffa insieme, se si considera che il veicolo postale, quantunque assai carente, è l’unico percorribile per questi media, che non possono permettersi gli investimenti necessari per essere presenti nelle edicole.  Viene da chiedersi quale sia l’obiettivo reale del governo Berlusconi con il taglio insensato di queste agevolazioni considerato lo scarso rilievo delle relative entrate per i conti statali”.

Conclude l’esponente del Pd varesino: “Il Partito Democratico chiede, pertanto, che il governo si affretti a porre rimedio al proprio errore reintroducendo le agevolazioni improvvisamente e improvvidamente soppresse.  Ci auguriamo anche che il governo sia disponibile ad aprire in tempi brevissimi il tavolo per la riforma dell’editoria in modo da non dovere affrontare ogni anno sempre gli stessi problemi che costringono numerose testate indipendenti, non profit e di servizio ad una continua situazione di incertezza”.

9 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Decreto Tremonti, a Varese il Pd alza il tiro

  1. Fabrizio il 9 aprile 2010, ore 14:29

    Che vogliamo… questo è il governo che la maggior parte dei varesini hanno scelto, e questo ci teniamo.
    Vorrà dire che al posto dei giornali diocesani e degli informatori delle organizzazioni no-profit, ci saranno agevolazioni per avere sul banco della buona stampa “Il Giornale” di Berlusconi o qualche settimanale clerico-fascista tipo il ciellino Tempi o il mensile (anch’egli ciellino) Il Timone. Bah!

  2. Decreto Tremonti, a Varese il Pd alza il tiro – Varese Report il 9 aprile 2010, ore 14:44

    [...] Guarda Originale: Decreto Tremonti, a Varese il Pd alza il tiro – Varese Report [...]

Rispondi