Varese

“Pianeta proibito”, svetta la Cuccarini. Ma non basta

Il cast del musical

Quando lei esce sul palco accolta da un applauso, canta, si muove, balla, recita in maniera magistrale, lo spettacolo “Il Pianeta proibito” decolla immediatamente. Lorella Cuccarini, protagonista assoluta del rock-musical di Bob Carlton, spettacolo firmato dal coreografo Luca Tommassini, con i ragazzi del talent-show “X-Factor”, è un personaggio completo. Con la sua esperienza sa muoversi sul palco galattico da par suo e impersona con grande sicurezza il personaggio di Miranda, figlia dello scienziato Prospero, che invece è interpretato da Pietro Pignatelli, che appare con le sembianze di un improbabile Morgan.

A proposito: la trasmissione “X-Factor”, valore aggiunto sottolineato dal lancio del musical, oltre che dalla partecipazione di alcuni ragazzi (Chiara Ranieri, Antonio Marino, Enrico Nordio, Francesca Ciampa e Ilaria Porceddu) viene semplicemente evocata da Morgan che appare sullo schermo, dai filmati con gli sboccati interventi di  Mara Maionchi, dai siparietti di Francesco Facchinetti. A cui si aggiungono le presentazioni della Vaudetti, che appare come una vera signora del piccolo schermo.

Come si è potuto vedere nelle due repliche al Teatro Apollonio di Varese, che hanno registrato comunque un buon successo di pubblico, pur mostrandosi una grande interprete, la Cuccarini non riesce però a sostenere il peso di un intero spettacolo che, tutto sommato, appare abbastanza mal costruito, con una trama banale e una scarsa coerenza complessiva. E questo nonostante l’utilizzo di schermi e filmati, effetti speciali e scenografie sontuose, oltre al contributo in scena dei ragazzi della popolare trasmissione televisiva. Tra questi, si impone con la sua bellissima voce Chiara Ranieri, che offre al pubblico esibizioni di grande suggestione e qualità. Ma non appena i giovani cantanti di “X-Factor” si avventurano nella difficile arte del recitare, accade di assistere ad esiti imbarazzanti.

Altro discorso va fatto per la parte musicale, certamente la più convincente dello spettacolo, con i più trascinanti successi rock anni ’50 e ’60, senza dimenticare nuove sonorità contemporanee. Da Elvis Presley a Bjork, dai Beach Boys a Michael Jackson, da Jerry Lee Lewis a Coolio, dai Rolling Stones ai Prodigy, un eclettico mondo musicale riproposto in modo originale con la direzione musicale di Roberto Tucciarelli.

8 aprile 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi