Varese

Web-politica protagonista. Nicoletti: più Wi-Fi per tutti

Grillo e grillini a Varese

La web-politica sta avanzando. Passo passo, si sta imponendo nell’areana politica, e accomuna vecchie e nuove formazioni. Ineludibile il risultato elettorale portato a casa dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che ha spiazzato gli osservatori. Un risultato che in alcune regioni ha fatto il pieno di voti di protesta e ha toccato anche il 6,7% in Emilia Romagna, il 4 in Piemonte e il 3 in Veneto. Per quanto riguarda la nostra provincia, i grillini si sono attestati tra il 2,28 di Varese e il 2,67 di Busto Arsizio.

Un movimento nato e diffuso grazie alla Rete, e che punta ad una sorta di forma di democrazia telematica. Se a questo sorprendente successo si aggiunge il ricorso da parte di candidati e partiti al web in tempo di campagna elettorale, il quadro di un successo delle nuove tecnologie risulta evidente.

Con il suo solito fiuto e il suo tempismo, a Varese, il leader di Movimento Libero, Alessio Nicoletti, solleva un problema reale: perché anche a Varese non si predispone il Wi-Fi libero e per tutti? Per i mondiali di ciclismo si era ventilata una ipotesi simile ma non portò a nulla. Ora Nicoletti rilancia l’idea del Wi-Fi nei luoghi di aggregazione chiedendo al Comune di Varese di farsene carico.

“Proponiamo al Comune di Varese di realizzare aree Wi-Fi per consentire – dice Nicoletti – l’accesso gratuito ad internet nelle piazze, nei luoghi di aggregazione, come università, scuole o centri per anziani, coinvolgendo anche commercianti ed associazionismo di categoria, sociale, culturale e sportivo”.  “Siamo nel 2010 e pensiamo che lo sviluppo della nostra città passi anche da queste iniziative. Sarebbe un grande passo in avanti, che proietterebbe Varese nel terzo millennio”.

30 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi