Varese

Un museo del design a Varese? D’accordo il sindaco

Morandini e Fontana

Anche a Varese potrebbe sorgere un Museo dedicato al design, magari collegato ad una Scuola che sappia formare le nuove leve di questo ramo dell’arte che dialoga costantemente con l’industria. L’idea l’ha lanciata questa mattina, in occasione della presentazione della mostra “ArtParty”, il curatore della mostra, e designer di fama internazionale, Marcello Morandini. “Una mostra come questa potrebbe essere l’inizio di un progetto più ampio, quello di un Museo e di una Scuola per i nostri ragazzi”.

Un’idea interessante, che ha provocato subito una reazione “a caldo” da parte del sindaco di Varese, Attilio Fontana. “E’ un discorso iniziato molto tempo fa con Morandini. Poi il fatto che si stesse realizzando una cosa simile a Milano, ci ha un po’ bloccati. Ma credo che sarebbe una bella iniziativa”.

Morandini ha ripreso il discorso e specificato meglio la fisionomia di questo progetto che accarezza da molti anni. “Abbiamo sul nostro territorio una imprenditorialità incredibile, capace e creativa, e anche dei designer fantastici, che realizzano prodotti straordinari”. Ma non si tratta solo di avere una sede museale, ma di coniugare una vetrina e uno spazio formativo. “Sì, andrebbero di pari passo – continua l’artista varesino -, e la scuola sarebbe rivolta ai nostri giovani, così come è sorta a Mendrisio l’Accademia di architettura. E’ triste vedere i nostri allievi migliori che finiscono per andare a vendere nei negozi. Molti allievi escono dalle scuole entusiasti, ma poi finiscono per restare delusi. Si deve cercare di creare un circolo vituoso tra scuola e aziende del territorio”.

Anche l’economia del territorio potrebbe averne dei vantaggi. “La nostra economia ha bisogno di questi giovani, perchè potrebbe rinnovarsi”. Quanto alla vicina iniziativa milanese, Morandini taglia corto. “Può esserci a Milano, e anche a Varese, dato che ogni centro di design ha le sue pecuiliarità”.

26 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi