Gavirate

Elena Danelli tra assenze e versi a Gavirate

Un'opera della Danelli

Questa sera, venerdì 19 marzo, alle ore 20, si inaugura la mostra di Elena  Danelli dal titolo “Lamina d’assenza”, presso la trattoria “I dű matt” di Gavirate. Si tratta di una serata dedicata a questa artista, in cui sono in programma alcuni interventi curati dall’artista e poeta Gaetano Blaiotta, con alcuni ospiti a sorpresa.  Complice della serata lo chef Aimone che predispone le sue specialità per una serata tra amici e nuovi amici, in questo locale pensato come luogo di incontro e re-incontro. Mille vite e mille volti si incrociano in luoghi semplici dal sapor familiare, come i  sapori di una cucina genuina e, forse, anche antica, sempre pronta per essere scoperta.

Daniela Danelli è nata nella terra del grande pittore Segantini, in Arco di Trento, sono da sempre vissuta con il germe dell’Arte. Da piccola scorazzava per i grandi saloni della Scenografia Sormani, antico laboratorio scenografico nato nel 1800 a Milano, che ha lavorato con i più importanti teatri di tutto il mondo finchè è stato in vita il suo fondatore, stimato e compianto Ercole Soriani. Una fase in cui Daniela ha assorbito l’odore e la magìa dei colori delle grandi tele inchiodate a terra, illuminate da pulviscoli di luce solare che cadevano dalle grandi finestre: cresceva in me la passione per il Teatro. Questo fino ai vent’anni.

Ha poi studiato Scenografia teatrale a Brera, e nel tempo ha scoperto la passione per la pittura: autoditatta ha cominciato come spinta da una forza interiore, verso i primi anni ’90, insistendo e sviluppando un discorso legato ad una pittura figurativa il cui risultato estrapolava dal contesto originario immagini che acquisivano un sapore nuovo. Ha partecipato a numerosi concorsi, vincendo qualche medaglia. Ha pubblicato un quadro sulla copertina del libro di poesia edito da “Il Filo” e due sue opere sono state selezionate per esposizioni internazionali in New York e Atene. Altre opere viaggiano nel mondo come “Mail Art”.

Ultimamente la Danelli ha riscoperto un grande amore, sopito nel tempo, la poesia. Due sue poesie sono state selezionate per due selezioni differenti, edite dalle Case Editrici “Kimerik” di Palermo e “Ta.Ti. Edizioni” di Limido Comasco.

19 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi