Varese

Arci Varese, Giulio Rossini è il nuovo presidente

Giulio Rossini neopresidente Arci

Alla fine la rottura non c’è stata e ieri sera il direttivo dell’Arci di Varese ha eletto presidente Giulio Rossini, promotore del cineclub varesino “Filmstudio 90″ e direttore del Cinema Teatro Nuovo di Varese, oltre che ideatore ed organizzatore di rassegne di alto contenuto sociale e culturale come “Un posto nel mondo”. Personaltà, dunque, molto nota nel capoluogo, con all’attivo molte iniziative di successo.

Con la sua elezione si conclude la lunga presidenza di Giuseppe Musolino, che partì agli inizi degli anni Ottanta. Una presidenza che, al congresso di Arci Varese, era stata criticata soprattutto in nome di una discontinuità auspicata da diversi interventi.

Si è evitata la spaccatura del nuovo direttivo composto da 31 membri, anche perchè, come del resto aveva già anticipato, Musolino ha fatto un passo indietro proprio all’inizio della riunione di ieri sera. Rimasto candidato soltanto Rossini, su di lui si è registrata una larga convergenza, con 5 contrari e qualche astenuto.  Rossini nuovo presidente, dunque, mentre a Musolino è stata attribuita la delega provvisoria per la costituzione di un circolo Arci della città di Varese.

16 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Arci Varese, Giulio Rossini è il nuovo presidente

  1. marcello il 16 marzo 2010, ore 23:27

    I miei più sinceri auguri a Giulio Rossini per un proficuo lavoro. All’arci provinciale, sicuro di una sua futura dipartita, purtroppo in mia assenza, esprimo anticipatamente le mie più sincere condoglianze. Personalmente si è chiusa una porta all’arci provinciale e se ne sono aperte tantissime, al contrario al nuovo direttivo dell’arci provinciale si è aperta la porta della dirigenza ma si sono chiuse molte altre, prove alla mano. Se il buon giorno si vede dal mattino…….Il mio futuro è pieno di impegni che daranno lustro alla città ma sopratutto alla mia nuova collocazione, impegni che avrei preso con l’arci provinciale ma per cause di forza maggiore me lo hanno impedito ma comunque rimangono nella mia agenda con un altra associazione. Tempo al tempo si dice. Rimango sbalordito per la coerenza, il pudore e l’intelligenza che regna all’interno del nuovo direttivo, complimenti!!!!! Come si dice in questi casi rimango a guardare con un occhio critico, molto critico, al futuro di questa associazione, esprimendo, ogni qual volta che si presenterà l’occasine, il mio disappunto molto forte e con ogni mezzo.

Rispondi