Scuola

A partire da Platone. Giustizia all’Insubria con Carlo Sini

Il filosofo Carlo Sini

“La giustizia come virtù e come bene” è il titolo del nuovo incontro con il ciclo “Cogito Ergo Sum?”, organizzato dal Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi dell’Insubria nell’ambito del progetto dei Giovani Pensatori, patrocinato degli Uffici Scolastici Provinciali di Varese e Como. L’appuntamento si svolgerà martedì 16 marzo, alle ore 15.30, nell’Aula Magna in via Dunant, 7, a Varese.

Ad alimentare il discorso filosofico con i ragazzi delle Scuole Secondarie Superiori di Varese, Como e del Canton Ticino e gli studenti dell’Università degli Studi dell’Insubria presenti all’iniziativa, ci sarà un autorevole filosofo contemporaneo: il professor Carlo Sini. Formatosi originariamente con due filosofi come Giovanni Emanuele Bariè ed Enzo Paci, il professor Sini rappresenta una delle voci filosofiche più originali e importanti dell’attuale panorama filosofico italiano. Membro dell’Accademia dei Lincei e dell’Institut International de Philposophie di Parigi, ha insegnato, per moltissimi anni, Filosofia Teoretica all’Università degli Studi di Milano. Nel corso della sua lunga ed intensa attività filosofica si è occupato di molti temi che spaziano dalla fenomenologia di Husserl al pragmatismo americano di Dewey, dal pensiero semiologico di Peirce al rapporto critico tra oralità e scrittura entro la tradizione occidentale. Autore di moltissimi scritti, più recentemente ha pubblicato anche una vasta opera: “Figure dell’enciclopedia filosofica”, in cui ha esposto sistematicamente il suo pensiero e la sua più matura riflessione teoretica.

Nella conferenza in programma martedì 16 marzo affronterà il problema de “La giustizia come virtù e come bene” intrecciando liberamente la sua riflessione sulle tematiche del giusto con quelle sul bene, del bello e del buono, secondo una curvatura teorica che fu inaugurata, agli albori della nostra civiltà, dalla riflessione di un filosofo come Platone.

14 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi