Varese

Stati generali della cultura, Nicoletti ci riprova

Una mostra alla Sala Veratti di Varese

Non impegnato nella campagna elettorale, Alessio Nicoletti, leader di Movimento Libero, continua a riproporre temi caldi per la città. E, in particolare, la questione degli Stati generali della cultura, che il sindaco di Varese, Attilio Fontana, ha sempre bocciato. “Sarebbe una guerra tra orticelli”, ha detto.

Di parere opposto il consigliere d’opposizione che, anzi, rilancia. “Nonostante il fatto che l’amministrazione comunale ha completamente ignorato il nostro invito, esso ha ottenuto riscontri positivi tra vari soggetti della cultura varesina”.

E poi, secondo Nicoletti, “è necessario costruire un dialogo franco tra i vari attori del territorio per concordare una linea, una strategia comune, che consenta a Varese di emergere, come nelle sue potenzialità, a livello lombardo, nazionale ed internazionale”.

Nicoletti, dunque, rilancia gli Stati Generali della Cultura, coinvolgendo tutti i soggetti interessati, al fine di rilanciare definitivamente l’intero settore. Giungerà qualche risposta da Palazzo Estense? Intanto un’interrogazione a firma del consigliere di Movimento Libero è stata depositata in Comune.

9 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Stati generali della cultura, Nicoletti ci riprova

  1. DELUSA il 10 marzo 2010, ore 10:12

    Bellissima l’iniziativa di Nicoletti che finalmente si accorge che bisogna fare qualcosa per la cultura a Varese.

Rispondi