Varese

Donne, da angeli del focolare ad Angeli Urbani

Maura Tombolato propone l'Antigone

Ricco lo spettro di immagini di donna presentate nell’evento promosso dal Comune presso il Salone Estense in vista dell’8 marzo. “Donne di sempre” ha visto la partecipazione della Scuola di Teatro Città di Varese, del gruppo teatrale Auser e dell’Accademia Amadeus di Agrate Conturbia. Un percorso fatto di note musicali, di interpretazioni di classici del teatro, di testimonianze di volontari che si occupano di donne spesso maltrattate.

Ad aprire la parte teatrale, la bravissima arpista Francesca Bonomi, promettente concertista uscita dall’Accademia Amadeus diretta da Simona Marchesi. A lei si è subito unita un’altra arpista, Anna Aguzzi, e un flautista, Giovanni Monti. Una cornice musicale per una serie di donne interpretate con gusto e con passione dalle allieve della scuola Città di Varese, diretta da Anna Bonomi. “Da questi personaggi delineati da grandi classici escono sentimenti che sono ancora attualissimi per le donne, dalla tenerezza alla passione”. Una sfolgorante Antigone è stata proposta da Maura Tombolato, e poi, a seguire, le allieve della Bonomi hanno presentato la Medea di Euripide, Eloisa, la Madonna di Jacopone da Todi, Blanche, protaonista della commedia di Tennessee Williams, “Un tram che si chiama desiderio”.

Non solo teatro e musica, però, nella manifestazione per la festa della donna. Un gruppo di giovani volontarie di strada del’associazione Angeli Urbani, ha raccontato storie di donne maltrattate e perseguitate dietro l’angolo di casa nostra. Una ragazza aiutata perchè vittima di Stalking da parte di un ex fidanzato, e una ragazzina fuggita di casa per amore e recuperata alla famiglia, sono solo due delle tante storie incontrate ogni giorno a Varese, storie di donne che aiutano donne.

7 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi