Varese

Tosi (Pd) alza il tiro contro i manifesti abusivi

Il Pd Stefano Tosi

Dura presa di posizione di Stefano Tosi, segretario provinciale Pd e candidato per il suo partito al Pirellone, contro le affissioni abusive a Varese. “In politica sembra che le regole della vita di tutti i giorni non valgano per tutti. Dopo, infatti, il mancato rispetto delle regole richieste dalla legge nella presentazione delle liste – attacca Tosi -, il centrodestra non esita a violare anche quelle previste per l’affissione dei manifesti”.

Spiega, l’esponente varesino del Pd, che il Tribunale di Varese, l’1  marzo 2010, ha rinviato, a causa del ricorso presentato dalla lista “Per la Lombardia” di Roberto Formigoni, il sorteggio per l’assegnazione degli spazi della propaganda diretta. A causa di ciò, anche tutti i Comuni della provincia di Varese hanno rinviato le delibere per l’assegnazione degli spazi per la propaganda indiretta.

Dice Tosi: “Dunque, allo stato attuale, nessuno può affiggere manifesti. Perché, allora, a Varese, ad esempio in via Dandolo e in via Crispi, e in molti altri Comuni della provincia, calpestando per l’ennesima volta le regole, sono stati affissi ugualmente manifesti del candidato Pdl Ferrazzi?”.

Tosi lancia un appello alle autorità competenti affinché si provveda ad oscurare i manifesti abusivi.

4 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi