Cultura

Calabresi racconta la realtà al Salone Estense di Varese

Mario Calabresi a Varese

“Raccontare la realtà” è il titolo dell’incontro in programma al Salone Estense di Varese mercoledì 3 marzo alle ore 21. Protagonista della serata il direttore del quotidiano La Stampa, Mario Calabresi, invitato dal Centro Culturale Massimiliano Kolbe. “Ci ha sempre interessato – dice il presidente Maria Bardelli – incontrare persone capaci di testimoniare una passione per la realtà. E Mario Calabresi per come vive la sua professione e per l’esperienza familiare che lo ha segnato ci pare un testimone di questa posizione umana. Siamo contenti che abbia accettato il nostro invito ad una serata che sarà di domande e risposte sul suo lavoro e sull’attualità italiana e internazionale”.

Autore di libri come “Spingendo la notte più in là” e “La fortuna non esiste”, dimostra nel suo modo di raccontare un approccio alla realtà pieno di curiosità e di domande capace di far precedere l’umanità alle convinzioni, in poche parole amante della verità.

Mario Calabresi, classe 1970, prima di assumere la responsabilità del quotidiano torinese, è stato cronista parlamentare all’agenzia Ansa, poi ha lavorato sia alla Stampa che a Repubblica come corrispondente da New York. La sua vita è stata segnata dall’uccisione del padre, il commissario Luigi Calabresi, morto quando Mario aveva solo due anni. Per quell’omicidio sono stati condannati Adriano Sofri, Giorgio Pietrostefani, Ovidio Bompressi e Leonardo Marino, ex militante di Lotta Continua e grande accusatore dei tre.

La vicenda che ha diviso profondamente l’opinione pubblica ha inevitabilmente accompagnato la sua esistenza esaltando in lui il desiderio di giustizia e di verità al quale ha sempre cercato di rimanere fedele nella sua attività professionale sorretto in questo compito dalla figura della madre che amava ripetere ai figli “ho fatto di tutto perché non cresceste nel rancore e nell’odio”.

2 marzo 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi