Varese

Blocco a Varese, deserto il ring transennato

Blocco del traffico, centro di Varese deserto. Complice il tempo inclemente, complice l’impossibilità di percorrere il centro con l’auto, pochi i passanti per tutta la mattina nel salotto buono del capoluogo. Anche a sentire i passanti in Corso Matteotti, molti sono coloro che hanno preferito scegliere altre mete domenicali, scoraggiati dallo stop alle auto in centro.

Una scelta, quella del blocco, che ha ricevuto qualche sì e molti no, a partire dal Comune di Busto. Dalle 10 alle 18, il ring resta chiuso, pur essendo consentito l’accesso, sull’apposita corsia, al parcheggio di piazza Repubblica, e ai parcheggi di via San Francesco e piazza Ragazzi del ’99. Come sempre, le deroghe sono per i veicoli elettrici, ibridi e multimodali, per quelli muniti di impianto alimentato a gas naturale o gpl, e per i veicoli con finalità di tipo pubblico o sociale.

Si contavano sulle dita anche i rappresentanti della Polizia locale. Un paio di agenti in piazza Monte Grappa, nessuno alla barriera all’altezza di piazza Repubblica.

“Il blocco non deve essere considerato sempre e solo come un limite o un’imposizione per i cittadini – ha dichiarato il sindaco Fontana -. Cerchiamo di vivere al meglio la nostra città, di uscire, di goderci una zona pedonale più ampia”.

Nel corso della mattinata, invece, nessuna notizia dei gazebo dell’Anci preannunciati in piazza Monte Grappa e in piazza Carducci per fare conoscere le attività di questa associazione.

28 febbraio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi