Varese

Lanciato convegno su indagini e delitti. Con mistero

Il concitato colloquio tra Picozzi e Fontana

Oggi pomeriggio, presso la Sala Matrimoni di Palazzo Estense a Varese, era in programma la presentazione del convegno del 26 e 27 febbraio dal titolo “Scienze forensi: potenzialità e limiti”. Un appuntamento prestigioso che si svolgerà al Teatrino Santuccio di via Sacco e che sarà aperto dal ministro degli Interni, Roberto Maroni. Special guest del convegno, presente alla conferenza stampa, il criminologo Massimo Picozzi.

Tutto era pronto per iniziare la conferenza stampa, e i fotografi avevano scattate le foto di rito: foto con lo stesso Picozzi, il primo cittadino di Varese, l’avvocato Pierpaolo Cassarà, presidente della Fondazione Labus Pullé, tra gli organizzatori del convegno, insieme alla Liuc e alle edizioni Utet. All’improvviso, al momento di iniziare ad intervenire, è accaduto qualcosa che ha visibilmente contrariato il sindaco Fontana. Concitato colloquio con Picozzi e poi il sindaco ha abbandonato frettolosamente la sala per chiudersi nel suo ufficio.

In sala è poi rientrato Picozzi, che ha cercato di riallacciare i fili dell’iniziativa, e ha cercato di spiegare i contenuti del convegno ai giornalisti che continuavano a chiedersi la ragione dell’imbarazzante situazione venutasi a creare.

Cosa è accaduto veramente? Perchè il sindaco si è allontanato frettolosamente dalla conferenza stampa indetta su un appuntamento così rilevante? Ma, soprattutto, perchè, nonostante le richieste della stampa, nessuno in Comune ha voluto fornire spiegazioni? Un vero mistero. In aggiunta a quelli dei quali si parlerà nel corso del convegno.

24 febbraio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi