Leggiuno

Gli Angeli di Brogli nella cappella di Leggiuno

Uno dei mosaici dedicati agli Angeli

Una lunga storia di amicizia lega l’artista romano Amedeo Brogli a Varese, da quando salì la via delle Cappelle, tanti anni fa, per assistere Guttuso nel famoso – e chiacchierato – rifacimento della Fuga in Egitto. Dopo aver ritratto gli ultimi Prevosti di San Vittore, eccolo a realizzare un’opera particolare, la decorazione di una cappella minuscola, ex stalla di cascina, in quel di Leggiuno.

“E’ un dono poter comunicare la mia fede attraverso il mio lavoro”, spiega l’artista, che ha realizzato un mosaico di ben 600.000 tessere raffigurante cinque Angeli, figure emblematiche che invitano all’Adorazione perpetua del tabernacolo, al centro del piccolo ambiente.

“In realtà” aggiunge il parroco don Walter Brambilla “la cappella , che vedo come cuore pulsante dell’oratorio, è dedicata alle mamme, che come gli angeli introducono nel mondo la buona notizia della vita ”.

Oltre 200, infatti, i nomi di altrettante madri che verranno ricordate, ad una ad una, una volta all’anno nella cappella. La benedizione solenne dell’opera è prevista per domenica 14 a mezzogiorno, alla presenza di mons. Felice Di Molfetta, presidente della Commissione Liturgica della CEI.

13 febbraio 2010 Annalisa Motta redazione@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi