Cultura

Le nipotine di Crudelia De Mon entrano alla Piccola Fenice

La Crudelia di Glenn Close

Corpi sinuosi e volti diabolici, è lunghissima la teoria di donne dai risvolti oscuri. Donne assassine, donne diaboliche, donne estreme. Si potrebbe capovolgere il giallista svedese Larsson, e un suo titolo fortunato, e dire “donne che odiano gli uomini”, nipotine della celebre Crudelia De Mon, impersonificazione disneyana del male (per quanto anche Glenn Close ci abbia messo del suo, in aggiunta). Senza poi scomodare Cogne e dintorni.

Conturbanti e fascinose, oppure orrende e terrorizzanti, queste sono le protagoniste di un doppio appuntamento che si terrà alla Piccola Fenice di Masnago, il circolo culturale di Silvio Raffo che da tempo indaga le protagoniste dell’immaginario letterario che slitta sempre nel noir (un’attenzione che si traduce anche in ciò che Raffo scrive).

Questa sera, alle ore 21, alla Piccola Fenice sarà di scena lo psichiatra Alessandro Calligaro, autrice di un volume che ha per titolo “Femmine folli. Il lato oscuro del femminile dalla Bibbia a Kill Bill” (Castelvecchi). Sarà poi il turno di una giornalista, Valeria Palumbo, caporedattrice all’Europeo, che a Masnago, venerdì 5, sempre alle 21, proporrà alcune sue opere in tema, “Svestite da uomo” (Bur), “Prestami il volto” (Selene) e “Le figlie di Lilith” (Odradek).

Psiche e corpi di donne umbratili e misteriose, profonde e un po’ maghe, saranno così al centro del doppio dibattito condotto dallo stesso Raffo questa sera e venerdì. Donne che, proprio per la loro natura oscura, spesso sprigionano un fascino irresistibile agli occhi degli uomini e delle stesse donne.

3 febbraio 2010 Andrea Giacometti direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi