Economia

Dopo i ritardi, Confiducia dà ossigeno alle imprese

La Camera di commercio di Varese

Le imprese varesine fanno il pieno di credito assorbendo quasi il 50% delle pratiche di finanziamento garantite a libello regionale da Confiducia, il fondo straordinario messo a disposizione dal sistema camerale lombardo e Regione Lombardia con il sostegno dei Confidi. In soldoni, secondo i dati disponibili al 31 dicembre dell’anno scorso, nel Varesotto sono stati garantiti finanziamenti per oltre 53 milioni di euro; le pratiche targate Varese sono state 823 sulle 1718 totali avviate in tutta la regione.

Insomma dopo una partenza rallentata di questo strumento, il cui decollo fu accompagnato da polemiche sulla eccessiva burocrazia per il istanze, finalmente si possono raccogliere i frutti che, sul nostro territorio, hanno visto aggiungersi la collaborazione della Provincia di Varese. “E’ l’ennesima dimostrazione che le imprese varesine stanno giocando con forza e determinazione la partita per vincere la sfida della crisi. – commenta il presidente della Camera di Commercio, Bruno Amoroso – E che la Camera di Commercio sta offrendo tutto il suo possibile apporto per aiutarle in questa fase delicata, soprattutto garantendo loro opportunità sul fronte delicatissimo dell’accesso al credito”Dopo le polemiche, Confiducia .

Un segnale importante che però mette ancora una volta a nudo come il problema della liquidità e dell’accesso al credito sia tutt’altro che superato per le imprese del sistema economico locale. “L’auspicio – conclude Amoroso – è che gli attori del sistema creditizio continuino a utilizzare lo strumento Confidi per allargare sempre più l’area dei beneficiari di risorse finanziarie oggi più che mai indispensabili per l’impresa. Non si deve, al contrario, cadere nel rischio di considerare Confiducia un mezzo per modificare le condizioni finanziarie e i profili di rischio della clientela senza aumentare di fatto il numero di coloro che ne traggono beneficio”.

3 febbraio 2010 Paola Provenzano p.provenzano@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi