Musica

Al Twiggy “unplugged” il genovese Bonfanti

Il musicista Paolo Bonfanti

Grande appuntamento, questa sera, con la musica dal vivo di qualità. In quello che sta imponendosi all’attenzione soprattutto dei più giovani come uno spazio per la musica “live” (sempre piuttosto assente a Varese), e cioè il Twiggy Café, Black & Blue Festival presenta questa sera domenica 31 gennaio “Paolo Bonfanti live @ Twiggy Cafè”, ovvero la presentazione del nuovo album “Canzoni Di Schiena” – Unplugged solo (ore 21, ingresso libero).

Genovese, classe 1960, Paolo Bonfanti ha iniziato a suonare la chitarra nel 1975 con alle spalle studi di teoria musicale, armonia e pianoforte. Nei primi anni ’80 si è perfezionato con Armando Corsi e Beppe Gambetta. Nell’estate 1986 ha seguito un corso al Berklee College of Music di Boston. È laureato al D.A.M.S. di Bologna con una tesi sul Blues.

Dal 1985 al 1990 è stato il front man di uno dei gruppi più importanti della scena rock-blues italiana, Big Fat Mama, con cui ha inciso tre LPs (l’ultimo un doppio dal vivo), ha suonato nei principali clubs della penisola e nelle più importanti manifestazioni musicali.

Con alcune leggende del British Blues, come il saxofonista Dick Heckstall-Smith (Colosseum, Alexis Korner, John Mayall), il batterista Mickey Waller (Jeff Beck, Ron Wood, Rod Stewart) ed il bassista Bob Brunning (Savoy Brown) ha formato il gruppo Downtown con il quale si è esibito in Italia ed all’estero.

Ha suonato con Fabio Treves e la sua band, con Red Wine, uno dei più importanti gruppi bluegrass europei, con i quali ha collaborato anche in disco ed ha effettuato un tour negli U.S.A. nel 2002, con Beppe Gambetta (tournée europea nell’estate 1992 con Gene Parsons, ex Byrds). A ciò si sono affiancate un’intensa attività didattica, alcuni articoli e trascrizioni per riviste specializzate, la pubblicazione per la Bèrben di Ancona di un metodo per chitarra country-rock scritto a quattro mani con Beppe Gambetta e vari lavori di produzione artistica (Fabio Treves, La Rosa Tatuata).

Il suo nuovo album “Canzoni di Schiena” racconta storie in italiano e dialetto genovese con il consueto sound americano di Paolo.

31 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi