Varese

Ordinanza anti-smog, ecco la versione definitiva

Dopo le incertezze e le sviste di ieri, l’ordinanza anti-Pm10 del Comune di Varese sembra avere raggiunto la sua versione definitiva. Un’ordinanza che da ieri ha conosciuto diversi cambiamenti, tra cui la scelta di alternare le targhe da una settimana all’altra e non da un giorno all’altro.

Cosa dice, allora, l’ordinanza di Palazzo Estense? Stabilisce il divieto di circolazione con targa dispari nella giornata di domani sabato 30 gennaio, dalle 8 alle 20. Ora si capisce anche come si fa a stabilire a quale categoria appartenga la targa: il Comune ha stabilito che si faccia riferimento all’ultimo numero a destra della targa. Il divieto riguarda invece le auto con targa pari per domenica 31 gennaio dalle 8 alle 20.

Nel successivo weekend, divieto di circolazione per le auto con targa dispari nella giornata di sabato 6 febbraio, dalle 8 alle 20, mentre le auto con targhe pari non potranno circolare domenica 7 febbraio 2010, dalle ore 8 alle ore 20.

L’ordinanza consente poi la circolazione, in deroga al provvedimento, ad alcuni veicoli di cui sopra, è consentita la circolazione dei seguenti veicoli nelle sole giornate di sabato 30 gennaio e sabato 6 febbraio: i veicoli elettrici leggeri da città, veicoli ibridi e multimodali, micro veicoli elettrici ed elettroveicoli ultraleggeri; i veicoli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione; i veicoli alimentati a benzina con omologazione Euro 3, Euro 4, Euro 5; i veicoli alimentati a diesel (gasolio) muniti di filtro antiparticolato e con omologazione Euro 3, Euro 4, Euro 5: i veicoli storici, purché in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici (ai sensi dell’art. 60, comma 4, del Codice della Strada, Decreto legislativo n. 285/1992) e cioè nei seguenti albi e registri per auto e moto d’epoca: ASI, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI; i veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del Decreto legislativo 285/1992; i motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o pre Euro 1.

Sia sabato sia domenica è consentita la normale circolazione esclusivamente sulle seguenti strade:  Via Autostrada, Largo Flaiano, Viale Borri, Tangenziale Est (Ponte di Vedano, viale Belforte), Via Peschiera, NSP 70 (da via Peschiera a viale Valganna), Viale Valganna, Viale Ippodromo, Viale Aguggiari, Via Manin, Via Bolchini, Via Borghi, Via Caracciolo, Via Piemonte, Via Giordani, Via Valle Luna, Via del Molino, Via Vigevano, SP 1, Via Virgilio, Via Provinciale Rasa, Via General Cantore, Via Gasparotto.

La circolazione dei seguenti veicoli è consentita sia nelle giornate di sabato 30 gennaio 2010 e 6 febbraio 2010 sia nelle giornate di domenica 31 gennaio 2010 e 7 febbraio 2010: veicoli con particolari caratteristiche costruttive o di utilizzo a servizio di finalità di tipo pubblico o sociale, di seguito specificati: veicoli, motoveicoli e ciclomotori della Prefettura, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri,Polizia penitenziaria, Guardia di Finanza, Forze Armate, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Croce Rossa Italiana, Corpi e Servizi di Polizia Locale, Protezione Civile, Corpo Forestale e Servizio Volontario di Vigilanza Ecologica (GEV), nonché dei veicoli privati in uso al personale appartenente agli Enti suddetti per raggiungere la propria sede di lavoro; veicoli di pronto soccorso sanitario, ambulanze di trasporto infermi, veicoli per trasporto organi, sangue, plasma e derivati; scuola bus e mezzi di trasporto pubblico locale (TPL) – fatto salvo quanto già disciplinato per i veicoli di categoria M3 con DGR 29 luglio 2009, n. 8/9958; veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso; autovetture targate CD e CC.

Sono altresì esclusi dal divieto di circolazione in argomento i seguenti veicoli: veicoli appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio di pubblica utilità, individuabili con certificazione del datore di lavoro o che svolgono servizi manutentivi di emergenza; veicoli dei commercianti ambulanti dei mercati settimanali scoperti, limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il luogo di lavoro dal proprio domicilio e viceversa; veicoli degli operatori dei mercati all’ingrosso (ortofrutticoli, ittici, floricoli e delle carni),limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine dell’attività lavorativa; veicoli adibiti al servizio postale universale o in possesso di licenza/autorizzazione ministeriale di cui alla direttiva 97/67/CE come modificata dalla direttiva 2002/39/CE; veicoli blindati destinati al trasporto valori, disciplinati dal decreto del Ministero dei Trasporti n. 332 del 3 febbraio 1998, nonché quelli utilizzati per i servizi di vigilanza privata(GPG); veicoli di medici e veterinari in visita urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini;operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro; veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica; veicoli utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro; veicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero; veicoli delle autoscuole utilizzati per le esercitazioni di guida e per lo svolgimento degli esami per il conseguimento delle abilitazioni di guida.

Confermata anche la riduzione dei caloriferi a Varese a 20 gradi.

29 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi