Regione

Sacro Monte più accessibile con accordo di programma

L'assessore Raffaele Cattaneo

La Giunta regionale, su proposta del presidente Roberto Formigoni  di concerto con l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo, ha deliberato di promuovere un accordo di programma, che coinvolge, oltre a Regione Lombardia, il Comune di Varese, il Parco Regionale Campo dei Fiori e la Provincia di Varese, per migliorare l’accesso al Santuario di Santa Maria del Monte di Varese e al borgo storico annesso. Il santuario, che è stato riconosciuto Patrimonio dell’Unesco, è infatti meta ogni anno di migliaia di pellegrini e turisti, ed è un’eccellenza sia sotto il profilo religioso, in quanto itinerario mariano tra i più affascinanti e noti,  sia sotto l’aspetto naturalistico architettonico e paesaggistico.

“Il Sacro Monte di Varese è uno gioiello della città di Varese che impreziosisce la Lombardia e merita di essere valorizzato  - commenta l’assessore Cattaneo -. L’attuale dotazione di infrastrutture e parcheggi non garantisce un’adeguata accessibilità pubblica e privata. Su questi punti critici è stato avviato nei mesi scorsi un lavoro di confronto con gli enti locali e tutti i soggetti coinvolti che ha portato alla decisione condivisa di attivare un accordo di programma per trovare una soluzione degna della qualità del luogo, a cui la città e i varesini sono particolarmente legati”.

L’origine del santuario sconfina nella leggenda, testimoniata molto tardi da un documento seicentesco, in cui si narra del vescovo Ambrogio che, sconfitti gli Ariani grazie all’intercessione di Maria, costruì sul monte una cappella in suo onore; peraltro alcuni resti e la cripta attuale testimoniano l’esistenza di una chiesa romanica la cui frequentazione è continuata nei secoli. Il santuario ha avuto il momento di maggior splendore nel 1600, quando è diventato l’ultima tappa di una via sacra che da allora prese consistenza per invitare i pellegrini a meditare, vedendoli rappresentati, i quindici misteri del Rosario.

20 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi