Varese

A Varese il titolo di città dei fiori d’arancio

Saranno i giardini così belli della città giardino, o le serene acque del lago, oppure l’incantevole sfondo delle montagne spesso innevate, ma Varese va in controtendenza quanto ai matrimoni. Se Milano piange, e Busto non ride, il capoluogo invece vede aumentare il numero dei fiori d’arancio. Lo dice una statistica stilata dagli uffici del Comune.

Un segno più che riguarda sia i matrimoni civili che quelli religiosi, e che emerge dal confronto tra i numeri dell’anno appena chiuso e i numeri del 2008. Si è registrato un incremento sia dei matrimoni civili (142 nel 2009, contro ai 136 nel 2008) sia di quelli religiosi (175 nel 2009, contro ai 159 nel 2008).

Per quanto riguarda i matrimoni civili, la stragrande maggioranza riguarda mariti e mogli entrambi italiani. Tra le coppie miste, il top di stranieri riguarda l’Europa dell’Est (11 matrimoni nel 2009), subito seguiti dai sudamericani (8). Sono invece africani i nubendi provenienti dal medesimo continente (5).

Tra chi si è sposato a Palazzo Estense, sono decisamente di più i matrimoni con l’uomo di età superiore alla donna (74 casi nel 2009) contro i 24 casi in cui la donna superava in età l’uomo.

Quanto ai matrimoni celebrati nelle chiese della città giardino, su 175 matrimoni 173 hanno riguardati marito e moglie entrambi italiani.

12 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi