Varese

Dopo il “venerdì nero”, il Comune di Varese cambia idea sul sale

Forse prendendo lezione dal terribile venerdì nero 18 dicembre, quando sulle strade ghiacciate si videro pattinare le auto, dato che il sale e i mezzi arrivarono con grande ritardo, questa volta il Comune di Varese parte per tempo. Infatti a partire da ieri sera è stata effettuata la salatura preventiva delle strade cittadine.

E’ accaduto anche a Milano in questi giorni: anche la metropoli ha mostrato, alla precedente nevicata, una risposta da cittadina di provincia. E, dunque, questa volta, anche nel caso di Milano da domenica sera, il sale è stato sparso in grande quantità, soprattutto negli spazi collegati ai mezzi pubblici, fermate di  autobus ed entrate della metropolitana.

Ma ciò che ha colpito a Varese è che in occasione della precedente emergenza a Palazzo Estense si è dichiarato il sale una misura non necessaria. Come ha detto l’assessore ai Lavori pubblici Zagatto, dispendiosa ed inutile, e inutile perché se il fondo è asciutto il sale si disperde ed è stato sparso inutilmente. Così l’assessore. Ma ciò che si doveva ricordare è che se non è stato sparso prima che cada la neve, il sale non potrà mai bagnarsi e, dunque, risultare utile contro la formazione del ghiaccio.

Dopo il venerdì nero, si è cambiata idea circa l’utilità del sale. Sempre in attesa di una neve prevista, ma che tarda a farsi vedere.

4 gennaio 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi