Arte

Artisti varesini in mostra oltre confine

Un'opera di Mariano Salerno

Sempre più artisti varesini scelgono di organizzare le proprie mostre oltre confine. Una scelta certamente legata alla disponibilità, in Canton Ticino, di spazi espositivi interessanti, ma, nel contempo, anche della scarsa disponibilità di spazi espositivi a Varese.

A Magliaso in Canton Ticino, presso la Residenza Privata Rivabella, espone, fino al 10 gennaio, la pittrice varesina Anna Sala. Nella sua personale dal titolo “Il qui e l’altrove”, a cura di Alexandre Aleman e con un catalogo che propone una presentazione e testimonianza del critico Stefano Crespi, la Sala propone le opere del suo percorso artistico più recente, esito di un itinerario che, dagli studi senesi ai paesaggi stilizzati, giunge oggi a queste nuove opere.

Un altro pittore varesino che espone in questo momento in Canton Ticino è Mariano Salerno, con la sua mostra dal titolo “Neofuturismo, Forme e Colore”, una rassegna in corso fino al 29 gennaio presso la Fondazione Extrafid Art nel centro storico di Lugano (via Canova 9). I venti quadri a olio su tela di Salerno, artista originario di Niscemi che all’attivo ha diverse rassegne, come quelle personali alla Sala Veratti di Varese e a Palazzo Verbania di Luino, lanciano il messaggio che occorre cogliere la gioia e la felicità anche nelle piccole cose. E i “raggi solari” che illuminano le opere di Salerno diventano forza di vitra e affermazione dell’esistenza.

27 dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi