Gallarate

Nuovi reparti all’ospedale di Gallarate. Padiglione chirurgico in vista (prossimo marzo)

L'ospedale S. Antonio Abate

L'ospedale S. Antonio Abate

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni e l’assessore alla Sanità Luciano Bresciani hanno inaugurato oggi, all’ospedale Sant’Antonio Abate di Gallarate, i nuovi spazi dedicati all’ostetricia, alla ginecologia e alla nursery nel padiglione Trotti Maino. Presenti alla cerimonia, tra gli altri, il direttore generale dell’Azienda spedaliera di Gallarate Armando Gozzini, il sindaco della città dei due galli Nicola Mucci, il primo cittadino di Varese Attilio Fontana, l’assessore provinciale Giuseppe De Bernardi Martignoni, il numero uno di Sea Giuseppe Bonomi, e il prevosto monsignor Franco Carnevali.

Formigoni ha voluto salutare i 1.730 dipendenti che, con grande impegno, si prendono cura dei malati. “L’eccellenza della sanità lombarda – ha detto il presidente – passa attraverso i loro sforzi e la loro attenzione alle persone”. Come speciale esempio, Formigoni ha indicato la nefrologa Laura Rimoldi, in servizio al nosocomio di Gallarate
da martedì 15. “So che Laura è giovane – ha spiegato Formigoni – e dico che Regione Lombardia conta sul suo entusiasmo e su quello di tutti i dipendenti per continuare a prendersi cura delle persone che sono al centro di ogni nostro progetto in campo sanitario che si basa sulla rete di eccellenze”.

“La sanità – ha detto l’assessore Bresciani – ha bisogno di ricerca e Regione ha promosso la rete delle Facoltà di Medicina con 14 macroaree di ricerca cui guarda con attenzione lo stesso mondo dell’industria. Già attivi progetti cui potrà dare il suo contributo un ospedale moderno come questo di Gallarate”. “Con il nostro modello di sussidiarietà orizzontale che coinvolge ricerca, sistema sanitario regionale, università e industria – ha spiegato Bresciani – abbiamo creato accordi con altre Regioni e con le realtà europee”.

Il presidente ha sottolineato come “quello di Gallarate sia un ospedale nato per opera dei Cavalieri di San Giovanni, ma sia una realtà che si lega in modo indissolubile al territorio con spazi, come il Boito, costruiti tempo fa, affiancati da nuovi come il Trotti Maino, e tante donazioni dei cittadini, segno indelebile di come la sanità lombarda sia realmente percepita dalla popolazione come un bene comune”. L’inaugurazione del Trotti Maino completa un percorso che ha visto Regione Lombardia investire 15 milioni di euro. “Dopo aver completato la costruzione del nuovo padiglione nel 2007 – ha ricordato Formigoni – abbiamo avviato negli ultimi due anni i suoi servizi, dalla radiologia al centro per il recupero neurologico e la lotta alla sclerosi multipla, dall’odontostomatologia alla medicina riabilitativa. Oggi entrano in funzione l’ostetricia, la ginecologia e la nursery, rispettando l’originaria destinazione della villa liberty che Carolina Trotti Maino donò all’ospedale affinché fosse trasformata in un luogo di cura della maternità e dell’infanzia. Oggi facciamo dunque un regalo alle quasi 1.200 mamme che ogni anno scelgono Gallarate per dare alla luce un figlio”.

“L’impegno per la ginecologia e l’ostetricia – ha sottolineato il presidente – rappresenta la punta dell’iceberg per il riammodernamento dell’ospedale di Gallarate. Tra pochi mesi inaugureremo il nuovo centro trasfusionale (febbraio 2010) e il nuovo reparto di emodinamica (marzo 2010). Contiamo, inoltre, di fare ulteriori sforzi: molti di voi, infatti, sapranno della volontà di realizzare, nell’area adibita oggi a parcheggio, la nuova area servizi dove sarà garantito l’atterraggio degli elicotteri per le emergenze e dove realizzeremo un nido per dipendenti, il centro unico prenotazioni, quello per i prelievi e spazi impiegati per la prevenzione e uffici amministrativi”. “Regione Lombardia – ha ricordato Formigoni – si è impegnata anche per realizzare il nuovo padiglione chirurgico da 5 piani: abbiamo previsto, per quest’opera, un investimento di 10 milioni
di euro e attendiamo da Roma (per marzo 2010) lo sblocco dei fondi”.

17 dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi