Varese

Buon Natale rock dal Distretto 51. Ma senza Bobo sul palco

Un momento del concerto

Un momento del concerto

Uno scatenato concerto natalizio che sta ormai diventando un appuntamento fisso nel calendario di Varese. Ieri sera, ancora una volta, la Fondazione Molina ha organizzato una performance del Distretto 51, la popolare band varesina premiata dal pubblico, che è corso a gremire ogni ordine di posti al Politeama. Un concerto che si è svolto sotto il logo di “Musica solidale”, poiché la finalità dell’esibizione di ieri sera, due ore di musica rock, soul e R&B, era quella di raccogliere fondi a favore del polo materno infantile dell’Azienda ospedaliera di Varese.

Un concerto che, fino all’ultimo, doveva vedere sul palco, alla tastiera dell’organo Hammond, il musicista-ministro Roberto Maroni. Presente dietro alle quinte fino a pochi minuti dall’inizio, Bobo Maroni si è poi defilato da una porta laterale per correre a fare visita, presso l’ospedale San Raffaele di Milano, al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ferito nel corso della manifestazione Pdl a piazza Duomo.

Ma anche senza il celebre tastierista, il concerto è partito, di fronte ad una platea che vedeva in prima fila alcuni autorevoli rappresentanti del mondo politico, tra i quali il deputato Daniele Marantelli (abbracciato in camerino da Maroni) e l’assessore del Pirellone Raffaele Cattaneo, oltre al nuovo presidente del Molina, Guido Ermolli.

Dopo alcuni minuti di proiezione del film dedicato al concerto di Woodstock, la musica ha subito ingranato, con l’intramontabile Bob Dylan di “Like a Rolling Stone”, interpretata da un Jonny Daverio ancora intento a scaldare la voce e con un Vince Tempera, produttore del gruppo, al posto del ministro di Lozza. Ma già dopo i primi brani, la band viaggiava a dieci metri da terra.

Pubblico entusiasta e musica a tutta manetta, con qualche concessione alla melodia e a qualche raffinato “repechage”, come nel caso della proposta di “Come una bugia”, una vecchia canzone targata Girompini-Maroni, o un inatteso brano dal primo album dei New Trolls “Senza orario, senza bandiera”, con testi composti da un giovanissimo Fabrizio De Andrè.

A contribuire al sound della band varesina, sul palco sono salite anche Simona Paudice e Giusi Consoli. Oltre agli altri, Elio Girompini,  Gege Rossi, Maurizio Carosi, Marco Caccianiga. Generazioni diverse che si sono incrociate sul palco del Politeama. Diverse per età, ma tutte ugualmente impegnate nel fare gli auguri di buon Natale a tutti i varesini intervenuti in questo concerto dalle finalità benefiche.

14 dicembre 2009 Andrea Giacometti direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi