Scuola

I prof del “Cairoli” eroi dei romanzi

Il Liceo Classico Cairoli

Il Liceo Classico Cairoli

Un’idea originale che incontra ogni anno il favore dei varesini. Anche quest’anno il più blasonato liceo della città giardino, il Classico “Cairoli”, offre la propria immagine per uno scopo benefico, in favore dell’Anffas Varese, Fondazione Renato Piatti. Ancora una volta il calendario targato “Cairoli” proporrà per ogni mese un docente che sarà disposto ad assumere le sembianze di un personaggio del romanzo dell’Ottocento.

Sarà quindi possibile  per studenti ed ex studenti, appassionati di discipline umanistiche, o per tutti coloro che vogliono semplicemente offrire il proprio contributo ad un’associazione che si occupa di disabilità intellettiva, ammirare gli splendidi ritratti realizzati dal fotografo Carlo Meazza, che ha fissato sulla pellicola gli insegnanti di latino e greco, oppure di matematica, religione ed educazione fisica, nelle vesti di Nora in “Casa di bambola” o Marina di “Malombra”, “Dorian Gray” oppure “Anna Karenina”.

Un pizzico di autoironica vanità  per ricordare a tutti noi che “…omnia aliena sunt, tempus tantum nostrum est” (Seneca, Ep..,1, 3). Come dire: facciamo buon uso del tempo e ogni giorno di questo “nostro” calendario segni l’impegno di ciascuno ad alimentare cultura, bellezza e solidarietà, mezzi preziosi per, se non salvare, almeno migliorare il mondo. La beneficenza, nel senso di “bene facere”, è stata la vera motivazione che ha ispirato i docenti a mettersi in gioco in un ruolo per loro inusuale: un risvolto “sociale ed umanitario” a vantaggio di un’associazione a contatto con la sofferenza. I proventi porteranno un piccolo contributo a favore di chi si trova in difficoltà.

9 dicembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi