Teatro

Tornano i Legnanesi con “Oh vita…oh vita straca”, tre giorni di repliche al Teatro Apollonio

La Mabilia e la Teresa sul palco

La Mabilia e la Teresa sul palco

Resta un appuntamento atteso ed abituale quello di Varese con i Legnanesi, che calcheranno il palco del Teatro Apollonio domani venerdì 27 novembre alle ore 21,  sabato 28 sempre alle ore 21, mentre domenica 29 lo spettacolo sarà alle ore 16. Una tappa che, come dicono loro, porta fortuna e quindi è sempre la prima. Anche quest’anno, anche con la nuova commedia in due tempi “Oh vita…oh vita straca”, che vede come autori il fondatore Felice Musazzi e il capocomico e regista (nonché interprete della Teresa) Antonio Provasio. Ancora una volta, come confermano dal teatro di piazza Repubblica, è stata una corsa per accaparrarsi i biglietti, benché la compagnia torni ancora a Varese, a fine stagione, sabato 1 maggio (ore 21) e domenica 2 (ore 16).

Anche questa volta sul palco saliranno i tre magnifici componenti la famiglia Colombo, e cioè la Teresa (Antonio Provasio), la figlia Mabilia (Enrico Dal ceri) e il marito Giovanni (Luigi Campisi). E sarà uno spettacolo in cui i Legnanesi dovranno fare i conti con la crisi, che c’è e si sente. Come tutti gli anni i conti non tornano e la Teresa è costretta a inventare nuovi modi per arrivare alla fine del mese, perché la pensione non basta più e l’unico pensiero per lei è riuscire a sbarcare il lunario. La Teresa, con le sue immancabili frecciate e perle di saggezza, tira le fila della famiglia, cercano così “lavori alternativi”, convinta che le possano servire a superare la crisi e rilanciare l’economia.

Quali? Posteggiatori di biciclette al parco di Legnano, questo è il primo lavoro che la Teresa, il Giovanni e la Mabilia si inventano, ma per il momento non cambia nulla e tra mille vicissitudini e difficoltà finiscono per diventare secondini del carcere di San Vittore nel pieno di una rivolta carceraria. Ma anche in questo caso i risultati non sono quelli sperati e alla fine si ritrovano a dover restare nel loro amato cortile dove precarietà e disagio li tengono ancorati alla realtà quotidiana, un luogo dove solo loro sopravvivono a tutto, anche al tempo che passa, è il loro teatro naturale.

La crisi però non sfiora la fantasia, perché come dice la Teresa “quella non è ancora stata tassata”, e la genialità della famiglia Colombo si tramuta in creatività e il trio più sgangherato d’Italia si ritrova a Mosca dove, tra neve e freddo, la Teresa cercherà di far fortuna sperando anche lì di accasare la figlia con uno dei nuovi ricchi. I sogni della Mabilia per incanto diventano realtà e così può far conoscere a noi tutti il suo mondo fatato, un mondo ricco di meravigliose musiche e di grandi costumi.

26 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi