Volontariato

Saronno accessibile ai disabili? Volontari delle associazioni a caccia di barriere in città

IMG_0080Saronno e il suo distretto sono state passate sotto le lente in fatto di accessibilità: è questo il risultato delle rilevazioni che hanno riguardato il distretto del Saronnese e che hanno visto impegnati una trentina di volontari – rilevatori alle prese con la misurazione di pendenze, gradini e non solo. L’esito finale di “Saronno per tutti”, inserito in un più ampio progetto voluto dal Cesvov, è quello di aver creato una mappatura di 56 luoghi pubblici (tra monumenti, bar, ristoranti, alberghi e uffici pubblici) contrassegnati da bollini verdi, gialli e rossi a seconda del loro grado di accessibilità per persone che hanno difficoltà, anche solo temporanee, a muoversi in autonomia.

“Il nostro obiettivo – spiega il direttore del Cesvov, Maurizio Ampollini – era quella di creare una guida che fosse fatta con la partecipazione dei volontari che hanno portato il loro punto di vista e il loro bagaglio di conoscenze e competenze”.  Per raggiungere il risultato finale sono state coinvolte direttamente le associazioni del territorio che operano nell’ambito della disabilità: al progetto hanno contribuito Agres Onlus (Associazione Genitori per la Riabilitazione Equestre e Sportiva), Asvap  4 Onlus (Associazione di Volontariato per l’aiuto agli Ammalati Psichici); Auser Saronno, Sos Uboldo; Asd Onlus (Associazione Saronnese Diabetici); Avulss di Saronno Onlus; Associazione Figli di Gesù Sofferente; Gruppo Scout Agesci Saronno.

L’ideasottesa a tutto il progetto non era quella di fare la lista di “buoni e cattivi”, ma di mettere in evidenza ciò che già funziona e di stimolare al miglioramento nel caso in cui l’accessibilità non sia garantita.

24 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi