Musica

Con Piemontesi, al via la Stagione del Comune

Francesco Piemontesi

Francesco Piemontesi

Si alza il sipario, questa sera alle 20.30, presso il Salone Estense di Varese, sulla tradizionale Stagione musicale del Comune. Un cartellone di otto concerti dal titolo “Novità e continuità”, che propone l’esibizione del giovane pianista svizzero Francesco Piemontesi. In cartellone un programma all’insegna dei 200 anni della nascita di Schumann. Tra i pezzi in repertorio, anche la “Fantasia in do maggiore” op. 17, che presenta la vertiginosa “pagina dei grandi salti”, che mette a dura prova anche gli interpreti di più solida tecnica pianistica.

“Il primo concerto – commenta il direttore artistico della rassegna, il maestro Fabio Sartorelli, docente all’Accademia della Scala e al Conservatorio di  Vicenza – ha una sua forza intrinseca, l’apertura di una rassegna attira il pubblico, suscita curiosità. Abbiamo scelto un bravo artista, con un programma bello, intenso, anche se non facile da ascoltare”. Spiega Sartorelli che Piemontesi, classe 1983, è stato appena nominato “Bbc Artist” e la grande regina del pianoforte, Martha Argerich, nonostante la giovane età, include Piemontesi tra “i suoi amici”.

Un concerto d’apertura per uno dei (pochi) appuntamenti culturali organizzati dal Comune di Varese che si conferma d’eccellenza. “Sì, resta un punto di riferimento per Varese, per il suo territorio, ma anche per fuori”, ammette Sartorelli. Che svela: “Una ventina di universitari bolognesi ha chiesto di partecipare ai concerti del “Quartetto Bennewitz” e dei “King’s Singers”. E non è la prima volta che accade”. Un interesse che ha portato quest’anno a quota-160 gli abbonamenti della Stagione musicale, in aumento rispetto alla passata edizione, a conferma che la formula-Sartorelli continua ad essere indovinata.

Ma qual è la chiave di tale successo? Sorprendente, per franchezza (oltre che assolutamente condivisibile), la risposta del maestro. “Ho sempre resistito alle pressioni di musicisti del territorio, per garantire un livello alto della rassegna. Non credo nell’idea che il territorio debba soddisfare il territorio. Certo, come in qualsiasi rassegna, anche nella nostra ci possono essere alti e bassi, ma il pubblico ha capito che può avere fiducia in questo cartellone e dunque ritorna”.

Resta, infine, il rapporto con il primo cittadino, Attilio Fontana. “Non ha mai interferito nelle mie scelte – dice Sartorelli -, e fa piacere vedere che segue questa rassegna con passione e competenza”.

15 novembre 2009 Andrea Giacometti direttore@varesereport.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi