Spettacoli

I “Modena” cancellati. E arriva Morgan

modenaCancellati i “Modena City Ramblers” dal cartellone del Teatro di Varese. E così il bello spettacolo teatrale “Carrozze di terza classe in coda” non potremo vederlo qui in terra padana. Sospetti e dubbi: forse perché un gruppo troppo impegnato? Troppo di sinistra? Anche perché altri teatri continuano ad averlo in cartellone.

L’impresario dei “Modena”, Alessandro “Cecca” Ceccarelli, spiega il perché della cancellazione. “Circa un mese fa si sono verificati degli intoppi tecnici e logistici, per cui lo spettacolo teatrale è stato rinviato a data da destinarsi. Forse lo riprenderemo dopo l’estate”. Ma perché in altri teatri i “Modena” vanno? A Varese è arrivato qualche veto politico? “No, nessun veto. Il gruppo in realtà porta in giro il tour celebrativo 15 anni di “Riportando tutto a casa”, un vero e proprio concerto”. Che peccato. I grandi interpreti della canzone dedicata a Peppino Impastato e al film “I cento passi”, non li ascolteremo a Varese. Almeno per ora.

In compenso sul palco del Teatro Apollonio arriverà, sempre il 12 febbraio, Morgan, con lo spettacolo “Non solo piano”. Insomma, dai “Cento passi” a X-Factor. Non c’è che dire.

13 novembre 2009
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “I “Modena” cancellati. E arriva Morgan

  1. Filippo De Sanctis il 13 novembre 2009, ore 20:46

    Salve Direttore,

    si è vero gli MCR li abbiamo persi in corsa, proprio come i treni che si apprestavano a “suonare” sul nostro palco.
    Putroppo già a pochi giorni dalla presentazione del cartellone abbiamo ricevuto la notizia dell’annullamento, come a Lei stesso confermato dall’Impresario.
    Una perdita importante, io stesso ci tenevo particolarmente ad ospitarli.
    Ma il pubblico ci conosce e al Teatro di Varese, ormai Stabile d’Insubria, non ci diamo per vinti, nemmeno sulla “democraticità” delle proposte in cartellone ( Travaglio oggi, come nel passato Paolo Rossi Dario Fò, Bertolino, Guzzanti etc. ).
    Dunque chissà se in un prossimo futuro non debba gettare sul foglio ancora un po dell’inchiostro della sua penna per celebrare l’arrivo, forse, di Erri De Luca o Moni Ovadia?
    La lascio con queso dubbio che verrà fugato dal solito comunicato stampa del Teatro Stabile d’Insubria, e che speriamo arrivi per annunciare un nuovo arrivo piuttosto che un nuovo annullamento.

    Filippo De Sanctis
    Direttore Organizzativo
    Teatro di Varese

Rispondi